• 6
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 7 febbraio, 2018

articolo scritto da:

Elezioni regionali 2018: permessi retribuiti per scrutatori e presidenti

elezioni regionali

Elezioni regionali 2018: permessi retribuiti per scrutatori e presidenti

Il Ministero dell’Interno e quello dell’Istruzione hanno disposto la chiusura delle scuole, elementari e medie, che ospiteranno i seggi elettorali. Le lezioni saranno sospese da venerdì 2 marzo a martedì 6 marzo compresi per il regolare svolgimento delle elezioni del 4 marzo; poi delle operazioni di scrutinio ad esse collegate. Alcune variazioni potranno essere apportate per le elezioni regionali nel Lazio e in Lombardia.

Come ogni elezione, nelle prossime settimane saranno selezionati presidenti, segretari, scrutinatori e rappresentanti di lista. Questi presiederanno le oltre 60mila sezioni distribuite lungo tutto il territorio italiano.

I lavoratori dipendenti, sia pubblici che privati, nominati per prestare servizio alle elezioni; avranno diritto ad assentarsi dal lavoro e a veder calcolate come normale attività lavorativa le giornate dedicate alle operazioni di voto e di scrutinio. Ciò significa, per esempio, che l’attività svolta presso il seggio è computata, come quella “normale”, all’accumulo dei contributi pensionistici obbligatori. Visto che l’assenza dei lavoratori selezionati per i seggi è considerata già lavorata e retribuita si cono notizie positive. Infatti il datore di lavoro non potrà richiedere o pretendere prestazioni aggiuntive. Questo per quanto riguarda le giornate delle operazioni di voto e di scrutinio.

Elezioni regionali 2018: permessi retribuiti per scrutatori e presidenti

Il decreto 66/2003 impone che il lavoratore goda di un effettivo riposo dopo sei giorni lavorativi. Oppure, in caso di settimana corta, dopo cinque giorni. La giornata impegnata nel seggio è considerata per intero (0-24). Dunque, se il lavoratore impegnato nelle operazioni di scrutinio lavora 5 giorni a settimana, il riposo compensativo che seguirà sarà di due giorni. Altrimenti, se lavora 6 giorni su sette, il riposo post-scrutinio sarà di un giorno.

Nel caso in cui le operazioni di scrutinio superassero la mezzanotte anche di un solo minuto, sforando a lunedì 5 marzo; i presidenti, segretari, scrutinatori e rappresentanti di lista avranno diritto ad una ulteriore giornata retribuita e al relativo recupero.

Infine si può usufruire del riposo compensativo anche in giorni differenti rispetto ai primi che seguono il periodo delle elezioni. In accordo con i propri datori di lavoro, è possibile programmare le date del riposo obbligatorie per legge.

PAGINA SPECIALE SULLE REGIONALI A QUESTO LINK

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Gradimento verso il Governo

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Video crisi banche

Video crisi banche

il gattopardo 2018

il gattopardo 2018

articolo scritto da: