• 24
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 11 febbraio, 2018

articolo scritto da:

Libri consigliati: “Fai bei sogni” di Massimo Gramellini. Trama e recensione

fai bei sogni massimo gramellini libri consigliati

Libri consigliati: “Fai bei sogni” di Massimo Gramellini. Trama e recensione

Massimo Gramellini, vicedirettore del quotidiano “La Stampa”, un giorno decise di far piangere più di un milione di persone in 22 lingue diverse e nel 2012 pubblicò per Longanesi “Fai bei sogni”, romanzo in classifica per più di 50 settimane che a leggerlo toglie il fiato e a rileggerlo scalda il cuore.

Libri consigliati: “Fai bei sogni” di Massimo Gramellini. La trama

La storia di un uomo, un ragazzo, un bambino, che affronta a partire dai nove anni ,uno dei lutti più grandi che si possano provare nella vita: la morte della propria madre. Il rapporto con il padre, le amicizie, la scuola e a seguire il lavoro, i primi amori e il primo matrimonio, ricondurranno Massimo a ciò che la vita gli ha proposto: un passato breve edulcorato dai ricordi e un futuro indefinito senza punti di riferimento.

I disperati tentativi di un bambino di eliminare un grigiore che sembra materializzarsi intorno a sé, nelle persone che lo circondano e negli ambienti che frequenta, lo stesso grigiore che si porterà dietro in età adulta e che si tramuterà in atteggiamenti e modi di pensare malsani per il protagonista e per chi gli sta attorno. Ma saranno i vecchi affetti come “Madrina”, la migliore amica della mamma, a sviscerare la realtà sul suo passato, e i nuovi affetti come la sua compagna “Elisa” a spronarlo a costruire una forte base per un futuro dove il dolore è lontano.

Libri consigliati: “Fai bei sogni” di Massimo Gramellini. La recensione

Duecentotrenta pagine.Attraverso l’utilizzo agrodolce dell’ironia, Gramellini rende lineare un tormento durato anni, e tra una pagina e l’altra, con l’avanzare delle lacrime matura la linfa vitale del romanzo: un forte senso di attaccamento alla vita. “Fai bei sogni” è la storia di Massimo e della sua crescita.I toni infantili della narrazione iniziale si dissolvono di anno in anno, l’autore ci porta per mano nella sua intimità, nei suoi pensieri e vicissitudini, e ci indica incerto il suo percorso attraverso la sua coscienza che solo alla fine del libro troverà Ragione.Lo scontro con la realtà è angoscioso eppure emozionante: se prima la vita correva e scorreva senza che lui se ne accorgesse, da adolescente e da adulto diventa impossibile da evitare. Il “non è ancora finita” è un monito che riverbera in ogni pagina del racconto, e che diventa nelle ultime pagine una consolazione leggera e confortante.

Il Piccolo Principe: una storia di legami. Trama e recensione di un classico senza tempo

“È che mi è sempre piaciuto il lieto fine”, così racconta alla fine del Terzo Capitolo, e così è evidente: vi è un ottimismo rincuorante che rende le vicende facilmente digeribili, anche quando sembra finita, anche quando nulla acquista senso, come non l’ha mai avuto: il riscatto c’è sempre, e si paga in anni a peso di insicurezze, crolli e debolezze. A rendere tangibile il riscatto del giornalista è probabilmente anche la fortuna fruttata dal romanzo, dal quale nel 2016 è stato tratto un film dal titolo omonimo, diretto da Marco Bellocchio.

La scrittura emozionale, la storia e la semplicità di “Fai bei sogni”, rendono questo romanzo accessibile a qualsiasi età e momento della propria vita.Attenzione però, se siete sensibili all’empatia, preparate i fazzoletti e i dubbi esistenziali, entrambi vi saranno ugualmente utili.

Francesca Napoletano

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Gradimento verso il Governo

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Video crisi banche

Video crisi banche

il gattopardo 2018

il gattopardo 2018

articolo scritto da: