• 8
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 12 febbraio, 2018

articolo scritto da:

Elezioni 2018: candidati Camera e Senato, gli esclusi eccellenti

elezioni 2018

Elezioni 2018: candidati Camera e Senato, gli esclusi eccellenti

Di sicuro, per queste elezioni 2018, c’è davvero poco; soprattutto non sappiamo se, ad urne chiuse, il nuovo Parlamento riuscirà ad esprimere una maggioranza a sostegno di un nuovo governo. Vediamo in campo protagonisti vecchi e nuovi della politica, pronti a giocarsi la partita, nonostante per qualcuno quel 3% è forse ancora troppo lontano.

Di sicuro c’è però l’addio alla politica – o l’arrivederci – di alcuni protagonisti della XVII legislatura; vecchi o giovani inquilini dei palazzi istituzionali che hanno deciso, per vari motivi, di interrompere un percorso o prendersi una pausa da esso. O che in pausa sono stati messi forzatamente dal proprio partito, che non li ha ricandidati. Vediamo di chi si tratta.

Elezioni 2018, chi non rivedremo in Parlamento

Tutto è iniziato con gli annunci di due personalità importanti per i partiti di cui fanno parte, uno dalla maggioranza e l’altro dall’opposizione: Angelino Alfano e Alessandro Di Battista. Il primo, ex fedelissimo di Berlusconi, leader di Alternativa popolare e con una carriera svolta nella direzione di diversi dicasteri, ha deciso spontaneamente di non ricandidarsi; come anche il secondo, tra i più importanti esponenti del moVimento politico che è sbarcato in Parlamento solo nel 2013. Il “Dibba”, nel frattempo, è diventato padre e ha deciso di concentrarsi sulla famiglia.

Sondaggi elettorali EMG: balzo M5S, cala il centrodestra

A non ricandidarsi anche due grandi donne dell’area dem,  Anna Finocchiaro e Rosy Bindi; la prima era recentemente stata membro del governo Gentiloni come ministro dei Rapporti con il Parlamento, mentre la seconda è dal 2013 presidente della Commissione parlamentare antimafia. Ma la Finocchiaro non è l’unica della squadra uscente di palazzo Chigi a non rinnovare l’impegno politico: non si ricandideranno nemmeno il ministro del Lavoro Giuliano Poletti e l’ex vertice della Pubblica Istruzione Stefania Giannini. “Non ci sono le condizioni per una ricandidatura” nemmeno per Daniele Capezzone, come da lui stesso spiegato; l’ex segretario dei radicali, poi passato a tutt’altra “sponda” politica confluendo nei fittiani e, quindi, in Direzione Italia, non lo rivedremo in questo Parlamento. Come nemmeno Carlo Giovanardi, Antonio Razzi, Martino, Colucci, Vannino Chiti, Sposetti, Lanzillotta; e, infine, un definitivo addio alle scene della politica arriva da Gabriele Albertini, ex sindaco di Milano, eurodeputato e senatore uscente.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Conte o non Conte

articolo scritto da: