• 39
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 27 marzo, 2018

articolo scritto da:

Elezioni 2018: Governo Lega-M5S, Salvini porge la mano a Di Maio

elezioni 2018

Elezioni 2018: Governo Lega-M5S, Salvini porge la mano a Di Maio

In vista delle Consultazioni con il Colle, che inizieranno subito dopo Pasqua – il 3 aprile – la Lega di Matteo Salvini si mostra disponibile ad un compromesso con il M5s. Dopo l’elezione dei presidenti di Camera e Senato, dove l’asse tra le due forze vincitrici delle elezioni 2018 ha tenuto, le nuove trattative riguardano infatti la formazione del futuro esecutivo. Fino a ieri il leader del Carroccio affermava deciso la necessità che il nuovo governo fosse a guida del centrodestra; ma ad oggi la possibilità di coinvolgere i pentastellati non viene esclusa – anzi.

Elezioni 2018, Salvini: “Possiamo ragionare con la squadra”

In un’intervista a Telelombardia Salvini ha infatti detto di essere “pronto per fare il premier”; “sono pronto a metterci la faccia – ha poi precisato – ma non è che è ‘O Salvini o morte’, Salvini è a disposizione, ma se c’è una squadra possiamo ragionare con la squadra”. Parole di apertura dunque, poi ribadite anche a Rainews 24. “In questo Paese il problema non sono io. Io – ha chiarito il segretario della Lega – mi metto a disposizione. Se mi rendessi conto che per aiutare questo Paese ci sono anche altre persone che possono dare una mano, per carità di Dio non sono io a dire di no”.

E chissà che questa “squadra” non possano essere proprio i pentastellati; d’altronde in questi giorni i due partiti hanno espresso reciproci giudizi positivi. Almeno per quanto riguarda l’affidabilità; se Beppe Grillo infatti ha di recente definito Salvini come una “persona di parola”, quest’ultimo anche ha espresso lo stesso giudizio in merito ai pentastellati. “Per ora i 5 Stelle si sono dimostrati affidabili. Io le persone le giudico dai fatti, non dalle parole”, ha dichiarato.

Elezioni 2018, Salvini: “Accordo con M5s mi auguro ci sia”

In questa prospettiva particolarmente significativa è dunque anche l’apertura del numero uno del Carroccio sul reddito di cittadinanza; Salvini – a margine del consiglio comunale a Milano – circa uno dei punti fondamentali del programma politico grillino ha detto che “se fosse pagare la gente per stare a casa no”. “Ma se – ha poi aggiunto – fosse uno strumento per reintrodurre nel mondo del lavoro chi oggi ne è uscito allora sì“.

Ed in merito all’accordo con i cinquestelle ha precisato “può esserci o non esserci e io mi auguro che ci sia”, ma se così non fosse “io non tiro a campare sicuramente”. “C’è un programma da proporre – ha continuato Salvini – e chi ci ha votato ci ha dato fiducia per fare delle cose come l’abolizione della legge Fornero e su questo vediamo in Parlamento chi ci sta”.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Sondaggio

Sondaggio su Saviano

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Conte o non Conte

articolo scritto da: