articolo scritto da facebook icona autore twitter icona autore

Giro d’Italia: il ruggito di Froome! Lo Zoncolan è suo

Giro d'Italia 2018 Zoncolan

Giro d’Italia: il ruggito di Froome! Lo Zoncolan è suo

La 14esima tappa del Giro d’Italia ha regalato grandi emozioni ed è stata fino ad ora la più bella della edizione 101 della Corsa rosa. Il keniano bianco, Chris Froome, ha dato finalmente un segnale importante ai suoi rivali e adesso è quinto in classifica generale.

Giro 2018, i voti dei primi nove giorni. Top Yates, flop Froome

Lo svolgimento della tappa

La giornata è caratterizzata da una fuga di 7 uomini, tra cui Valerio Conti, compagno di squadra di Fabio Aru. Il gruppo maglia rosa lascia fare, poi, sul Passo Duron, i gregari degli uomini di classifica alzano il ritmo. A prendere in mano la situazione è il Team Sky di Chris Froome, che dá un primo segnale della sua buona condizione e il vantaggio dei fuggitivi inizia a scendere.

Giro d’Italia, tappa 14: Lo Zoncolan

I corridori affrontano anche la salita di Ravascletto e il vantaggio dei battistrada diminuisce sempre di più.

Ai meno 10, inizi il mostro, il kaiser, lo Zoncolan. Dal gruppo principale scattano Igor Anton e poi Michael Woods, intanto la Sky, con un ritrovato Wouter Poels prende in mano la situazione e il gruppo degli uomini di classifica si ridimensiona notevolmente, con Tom Dumoulin che soffre, ma resiste e Fabio Aru che perde contatto. Il sardo perderà 2’23” a fine tappa, uscendo definitivamente dai giochi per il podio.

Il finale: l’attacco e il trionfo di Froome

Siamo a meno 4 km dal traguardo, dai primi si è staccata anche la maglia bianca di leader della classifica dei giovani Richard Carapaz. Il gruppo maglia rosa è composto da Poels, Froome, La Maglia rosa Simon Yates, Miguel Angel Lopez, Domenico Pozzovivo, Tom Dumoulin, Thibaut Pinot e il suo compagno di squadra Sebastian Reichenbach.

Ai meno 4 km l’attacco di Chris Froome: il britannico guadagna 10 secondi su Yates, Lopez e Pozzovivo, mentre perdono più terreno Dumoulin, Pinot, Reichenbach e Poels , che ha terminato il suo lavoro.

Ai meno 3 scatta dal gruppo degli inseguitori la Maglia rosa: il britannico della Mitchelton Scott cerca di riprendere Froome, e i due danno vita a un testa a testa emozionante, ma alla fine è il britannico del Team Sky ad avere la meglio per 6′ sul connazionale e a domare quella che è considerata la salita più dura d’Europa.Terzo Pozzovivo a 23”, quarto Lopez a 25”, quinto Dumoulin a 37” e sesto Pinot a 42″.

La nuova classifica generale vede sempre primo Simon Yates, secondo Dumoulin a 1’24”, terzo Pozovivo a 1’37”, quarto Pinot a 1’46”, quinto Froome a 3’10”, sesto Lopez, nuova maglia bianca, a 3’42”.

Froome è stato grande, ma anche Yates non è stato da meno.

La situazione è ancora molto aperta. Ne vedremo ancora delle belle!

SEGUI IL TERMOMETRO SPORTIVO ANCHE SU FACEBOOK, TWITTER E TELEGRAM

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

ultima modifica: domenica, 20 Maggio 2018