• 1
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 6 giugno, 2018

articolo scritto da:

Pensioni notizie oggi: Quota 100 e Ape, Damiano ‘entrambe o salta tutto’

Pensioni notizie oggi Quota 100 e Ape, Damiano 'entrambe o salta tutto'

Pensioni notizie oggi: Quota 100 e Ape, Damiano ‘entrambe o salta tutto’

L’avvio del Governo presieduto dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e nato dall’intesa tra Movimento 5 Stelle e Lega ha accelerato la discussione intorno al tema delle pensioni. A tal proposito è utile ricordare e sottolineare che fa parte del contratto di governo il superamento della Legge Fornero. Uno dei  capisaldi del programma elettorale con cui si sono presentati agli elettori sia i 5 Stelle  che a Lega. Intanto per provare a fare chiarezza sull’argomento è intervenuto, dalle pagine di Repubblica, l’economista vicino alla Lega Alberto Brambilla.

Pensioni notizie oggi, chiarimento di Brambilla della Lega

Cosa ha detto Brambilla? Ha ribadito l’intenzione e anticipato la proposta di ‘mandare in pensione chi ha almeno 64 anni con 36 di contributi. Oppure 41 anni e mezzo di contributi indipendentemente, dall’età e non più di 2-3 anni di contributi figurativi’. Consentire l’uscita a 64 anni permetterebbe così di eliminare lo scaglione dei 67 anni che partirebbe dal 2019 come imposto dalla Legge del 2011. Ma ha anche aggiunto ‘guai a pensare che con Quota 100 risolviamo ogni problema’.

Pensioni notizie oggi, Damiano (PD) dopo le parole di Brambilla

Non si è fatto attendere dopo le parole di Brambilla l’intervento di Cesare Damiano del Partito Democratico che ha posto l’accento su tre questioni. Nell’ordine: ‘il fatto che la spesa annua per Quota 100 e per andare in pensione con 41 di contributi, costa all’incirca 5 miliardi all’anno’. Damiano ha commentato: ‘abbiamo individuato una prima dimensione di costo, al di là di quelle che saranno le stime dell’Inps e della Ragioneria Generale dello Stato per le coperture’. Come seconda annotazione Damiano ha aggiunto: ‘per Quota 100 si intende 64 anni di età e 36 di contributi’. ‘Su questo osservo – ha illustrato l’esponente del PD – che la proposta, partendo dai 64 anni, può essere insufficiente a risolvere i problemi di coloro che rientrano ancora nella categoria dei cosiddetti esodati’. E infatti poi dice ‘non a caso la nostra indicazione è quella di fare la nona e definitiva salvaguardia’.

LO SPECIALE SULLE PENSIONI A QUESTO LINK

Pensioni notizie oggi, Damiano ‘Passo avanti con Quota 100 e indietro con stop Ape sociale’

La terza è una vera e propria bocciatura: ‘è stato chiarito è che l’APE sociale verrà abolita’. Infatti Damiano ha affermato ‘non sono d’accordo, anche perché le 15 categorie di lavori gravosi verrebbero penalizzate’. E l’ex ministro mette anche in guardia dai rischi insiti che intravede nelle proposte in seno al governo giallo-verde. ‘Quota 100 e Ape, sociale e volontaria, vanno integrate: in caso contrario c’è il rischio di fare un passo avanti con Quota 100, che condivido, e uno indietro con l’abolizione dell’Ape sociale’.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

 

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Tresette con Di Maio

articolo scritto da: