•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 7 giugno, 2018

articolo scritto da:

Prezzo petrolio 2018: previsioni e valore, aumento a fine 2018

Prezzo petrolio

Prezzo petrolio 2018: previsioni e valore, aumento a fine 2018

Il Brent si sta comportando complessivamente come da previsioni, si trova a 75,8 dollari al barile oggi. Se negli ultimi giorni vi è stato un leggero aumento, in realtà rispetto alla scorsa settimana si registra una piccola diminuzione.

Insomma, come era stato predetto, il grande aumento che aveva portato a maggio il prezzo del petrolio quasi a 80 dollari al barile si è fermato.

E non dovrebbe tornare, almeno per un po’ di tempo. A meno che non si avveri la predizione del ministro dello Sviluppo economico russo Maxim Oreshkin, che prevede una crescita a 65-70 dollari al barile entro la fine del 2018.

Si tratta evidentemente del Wti, che è su livelli attualmente inferiori al Brent, a meno di 65.

Che si tratti di una previsione scientifica o più che altro di una speranza non è chiaro.

Quello che è certo è che ci sono tendenze contrastanti sul mercato. Alcune di queste spingono effettivamente al rialzo.

Prezzo petrolio

Prezzo petrolio, il braccio di ferro tra alleati degli USA e Venezuela e Iran

Non si tratta di una novità, già in passato all’interno del fronte dei Paesi petroliferi si erano materializzati più fronti.

E così anche oggi vi sono gli alleati degli USA all’interno dell’OPEC, guidati dall’Arabia Saudita, che hanno assecondato la richiesta americana di aumentare la produzione. L’effetto calmierante sui prezzi è evidente a tutti.

C’è stata una diminuzione. E tuttavia è chiaro soprattutto in questi ultimi giorni come ci siano forze in direzione contraria. Una di questa è il Venezuela.

Che ha diminuito le esportazioni di greggio. La motivazione ufficiale è “forza maggiore”. Non è chiaro se sia stata una scelta o un obbligo. Di fatto è molto probabile che al di là della volontà di accrescere il prezzo del greggio le infrastrutture della PVDSA, la, siano così malmesse, a causa della disastrosa situazione economica venezuelana, da non riuscire a produrre abbastanza. E che per mantenere almeno la produzione per l’interno agli stessi livelli debba rinunciare a prezioso export.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Conte o non Conte

articolo scritto da: