pubblicato: martedì, 10 luglio, 2018

articolo scritto da:

Tour de France 2018: le prime indicazioni dateci dalla grand boucle

Tour de France 2018

Tour de France 2018: le prime indicazioni dateci dalla grand boucle

La 1° e la 2° tappa del Tour de France 2018 dovevano essere tranquille, con gli unici movimenti previsti che dovevano essere nel finale, negli ultimi metri, con gli uomini veloci pronti a sfidarsi per la vittoria di tappa.

Purtroppo non è stato così.

Nella prima tappa c’è infatti stata una maxi caduta che ha coinvolto uomini molto importanti per la classifica generale come Richie Porte e Chris Froome, oltre a una foratura che ha visto coinvolto Nairo Quintana, il quale ha perso in questa tappa circa 2′, mentre i primi due solo 1′.

Questo gap però può già essere importante in chiave classifica finale.

La seconda tappa è stata più tranquilla, con una sola caduta importante, quella della maglia gialla Fernando Gaviria, vincitore il giorno prima.

Alla fine vittoria e nuova maglia gialla per Peter Sagan che ha battuto in volata uno splendido Sonny Colbrelli.

Tour de France 2018: la terza tappa

La terza tappa è una cronosquadre di 35,5 km, con molti saliscendi e uno strappo al 7% nel finale e ben 15 rotatoie, che possono creare problemi ai corridori, come è successo nei primi 2 giorni.

Per molti big questa è una tappa chiave, tanto che il nostro Vincenzo Nibali si è preparato appositamente investendo molto nella galleria del vento per migliorare la posizione in bicicletta e curando in modo particolare l’abbigliamento e i materiali, mentre Chris Froome ha montato sulla sua Pinarello un manubrio sinterizzato stampato in 3D e ha indossato un body molto trasparente dalla “magia nascosta”.

La frazione ha visto la vittoria del team BMC, con Greg Van Avermaet che ha conquistato la maglia gialla e harimescolato così le carte.

Richie Porte (BMC) e Chris Froome (la sua Sky è arrivata seconda a 4”) hanno guadagnato secondi sui loro avversari, a partire da Romain Bardet (male con la AG2R) e Vincenzo Nibali (così così la crono della Bahrain Merida).

Discreta prova della Movistar di Landa, Valverde e Quintana che ha chiuso decima.

Molto bene la Education First di Uran (6a), la Sunweb di Dumoulin (5a) e la Mitchelton Scott di Adam Yates (4a).

Terza posizione invece per la Quick-Step Floors.

LEGGI ANCHE: Calciomercato 2018: il Napoli punta in grande. Pensieri Di Maria e Falcao

Tour de France 2018: la nuova classifica

Greg Van Avermaet è la nuova maglia gialla.

Secondo a pari merito Tejay Van Garderen.

Il primo dei big è Geraint Thomas, 3° a 3”, mentre Tom Dumoulin è 7° a 11”.

Decimo Rigoberto Uran a 35 ”, 14° Porte a 51”, 16° e 17° Mikel Landa e Alejandro Valverde a 53”, 18° Froome a 55”, 20° Yates a 1′, 22° Nibali a 1’06”, 25° Bardet a 1’15”.

Ancora indietro Nairo Quintana, a 2’08”.

Nei prossimi giorni ancora tanta pianura, poi fra 8 giorni si inizia a salire, e i big dovranno iniziare a lottare.

SEGUI IL TERMOMETRO SPORTIVO ANCHE SU FACEBOOK, TWITTER E TELEGRAM

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Maestro unico

articolo scritto da: