pubblicato: giovedì, 19 luglio, 2018

articolo scritto da:

Tour de France 2018: dominio del Team Sky a La Rosiere

Tour de France

Tour de France 2018: dominio del Team Sky a La Rosiere

Finalmente si muove qualcosa al Tour de France, dopo 10 tappe molto noiose.

E le indicazioni che giungono sono forti.

Anche quest’anno il Team Sky è la squadra da battere, con i due capitani Geraint Thomas(vincitore oggi e attuale maglia gialla) e Chris Froome che occupano le prime 2 piazze della classifica generale, mentre con ogni certezza Rigoberto Uran non potrà bissare il podio dell’anno scorso.

Anche Adam Yates non è in buona condizione, almeno per ora.

LEGGI ANCHE: Liga spagnola 2018-19: diritti tv in Italia, come vedere le partite

Tour de France 2018: movimento nell’11° tappa

La tappa dell’altro ieri, con arrivo a Le Grand Bornard, ha deluso le attese.

Big che si risparmiano e Team Sky che controlla la corsa, tanto che Vincenzo Nibali, intervistato da La Gazzetta dello Sport, ha affermato che il ciclismo sta diventando sempre più simile alla Formula 1 grazie al controllo che esercitano certe squadre sulla corsa e al livello dei corridori che si sta sempre di più uniformando.

Le premesse per un’altra tappa non entusiasmante erano dunque nell’aria, ma per fortuna non è stato così.

La tappa di ieri, molto corta(108,5 km), vede fin da subito gran movimento.

Molti corridori tentano la fuga, tra cui il nostro Damiano Caruso, Warren Barguil e Julian Alaphilippe, il quale cerca punti per consolidare la sua leadership nella classifica della maglia a pois.

La prima mossa di un certo rilievo da parte di un uomo di classifica la compie Alejandro Valverde.

Il murciano attacca sul Col du Pré e va a riprendere il compagno di squadra Marc Soler che, su questa salita e durante quella successiva, il Cormet de Roseland, gli fa l’andatura.

Finito il Cormet de Roseland, durante la discesa, Tom Dumoulin, assieme al compagno di squadra Andersen, allunga sul plotone principale e si riporta sul duo Movistar sopracitato Valverde-Soler.

Tour 2018: l’arrivo a La Rosiere e la fiammata di Thomas

Esaurito il compito dei loro gregari, continuano l’azione sia Dumoulin che Valverde sull’ultima salita di giornata.

Purtroppo però lo spagnolo non è in forma e si stacca dall’olandese.

Valverde verrà poi ripreso e staccato dal gruppo dei big.

Intanto davanti in testa si susseguono Mikel Nieve, Jesus Herrada, Dani Navarro, Damiano Caruso, Warren Barguil e Michal Valgren.

A un certo punto è Nieve ad attaccare e gli altri, Caruso a parte, non lo raggiungono più.

Nel frattempo gli uomini Sky alzano l’andatura e il gruppo si assottiglia sempre di più, soprattutto grazie all’azione di Michal Kwiatkowski.

Quando però il polacco termina il proprio lavoro, l’ultimo gregario di Froome rimasto è Geraint Thomas.

Il gallese è però in lotta per vestire la maglia gialla e, invece di lavorare per il capitano, scatta dal plotone con una progressione favolosa e va a riprendere Dumoulin.

Anche il vincitore dell’ultimo Giro d’Italia in seguito attaccherà, seguendo l’azione di Daniel Martin staccando il gruppo composto da Nibali, Roglic, Quintana, Bardet e Kruijswijk.

Intanto Nieve arriva in testa all’ultimo kilometro e quando tutti pensano che la vittoria sia sua, dal gruppo inseguitore attacca per la seconda volta Thomas che a 200/300 metri dal traguardo d’arrivo supera lo spagnolo e va a vincere in solitaria la sua seconda tappa in carriera al Tour.

Nieve chiude addirittura fuori dal podio venendo ripreso anche da Dumoulin, Froome e Caruso che, in questo ordine, seguono Thomas sull’arrivo a 20” i primi due e a 22” l’italiano.

A 27” giunge Daniel Martin, a 59” il gruppetto formato da Bardet, Nibali, Quintana e Roglic.

Tour de France 2018: la nuova classifica generale

Ecco la nuova classifica generale:

1° Thomas, 2° Froome a 1’25”, 3° Dumoulin a 1’44”, 4° Nibali a 2’14”, 5° Roglic a 2’23”, 6° Kruijswijk a 2’40”, 7° Landa a 2’56”, 8° Bardet a 2’58”, 9° Quintana a 3’16” a pari merito con Daniel Martin, 10°.

Adesso sarà molto interessante vedere come si evolverà la situazione in casa Sky, che si trova a gestire i primi due della classifica, entrambi che per un motivo o per l’altro non hanno intenzione di lavorare per il compagno.

Oggi altra tappa di altissima montagna, da Bourg-Saint-Maurice a L’alpe d’Huez.

Si tratta di un altro arrivo in salita, stavolta Hors Categorie, ma prima ci sono La Madeleine e il Col de la croix de fer, sempre di categoria più alta.

La tappa è molto adatta a Vincenzo Nibali.

Il siciliano si esalta in tappe lunghe e con salite di pendenze arcigne e tutti noi speriamo che lo “squalo” possa dare un’azzannata alle sue prede.

SEGUI IL TERMOMETRO SPORTIVO ANCHE SU FACEBOOK, TWITTER E TELEGRAM

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

La mano scorticata

articolo scritto da: