•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 3 agosto, 2014

articolo scritto da:

La guerra in Ucraina vista dai russi

Sfogliando i giornali si potrebbe pensare di essere di fronte a due vicende diverse che in comune hanno casualmente soltanto i nomi. È la guerra in Ucraina, una guerra che si combatte da mesi e che sin dall’inizio è stata segnata da accuse, smentite, notizie frammentarie e contraddittorie, doppie verità. A tal punto che l’intera storia in alcuni casi sembra seguire un copione diverso.

Secondo un sondaggio condotto dall’All-Russia Public Opinion Research Center e pubblicato dalla Itar-Tass (una delle principali agenzie di stampa russe), il 64 per cento dei russi crede che la responsabilità dell’abbattimento del boeing della Malaysia Airlines sia da attribuire all’esercito e all’intelligence di Kiev. Il 16 per cento punta il dito contro i servizi segreti occidentali, mentre solo due russi su cento pensano che Mosca abbia qualcosa a che fare con la tragedia.

William Engdahl, giornalista e scrittore specializzato in questioni geopolitiche, ha scritto su Russia Today (network internazionale russo diffuso in diverse lingue) che “il mondo sta assistendo ai frenetici sforzi del dipartimento di Stato americano e della Cia che provano ad accusare la Russia di Putin di fornire ai ribelli che combattono nell’est dell’Ucraina i sofisticati armamenti che avrebbero causato l’abbattimento dell’aereo malese”. Quella contro la Russia è “una guerra di propaganda condotta dal dipartimento di Stato americano”.

ucraina4

Photo by Us Army Europe Images CC BY 2.0

Engdahl accusa i media americani ed europei di essersi accodati alle dichiarazioni dei funzionari ucraini senza la prudenza che un caso simile avrebbe richiesto: “una totale mancanza di cauto e serio giornalismo investigativo”. Per Engdahl i funzionari ucraini hanno “ripetutamente mentito sin dal colpo di stato sorretto dagli Stati Uniti, il 22 febbraio 2014”, quando cioè l’ex presidente Viktor Janukovyč fu costretto a lasciare Kiev a causa delle proteste di piazza Maidan.

Sulla pagina delle analisi e dei commenti dell’Itar-Tass, Tamara Zamyatina ha scritto che il governo ucraino ricorre a metodi tipici del totalitarismo, mascherandoli con discorsi a favore della democrazia. Kiev distorce la realtà tal punto che la cosa dovrebbe far sorridere, se non fossero così numerosi i morti causati dagli scontri nell’est dell’Ucraina, ha aggiunto Zamyatina. Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov già un paio di settimane fa aveva detto: “Sono mesi che non sento una dichiarazione veritiera da parte di Kiev”.

Sempre su Russia Today, il giornalista Neil Clark ha scritto: “Oltre mille persone sono state uccise nell’est dell’Ucraina sin da aprile, da quando è cominciata l’operazione militare condotta dal governo di Kiev e appoggiata dagli Stati Uniti. Circa 100.000 persone sono state costrette a fuggire. E cosa sentiamo? Let’s sanction Russia!, sanzioniamo la Russia”. Per Clark, Usa e Ue hanno supportato il rovesciamento di un presidente legittimamente eletto in Ucraina. La gente in Crimea ha votato pacificamente in favore di una ricongiunzione con la Russia. E qual è stata la risposta dell’Occidente? Let’s sanction Russia, scrive Clark. È la guerra in Ucraina. Una guerra dalla doppia verità.

Immagine in evidenza: photo by Us Army Europe ImagesCC BY 2.0

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: