•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 8 agosto, 2014

articolo scritto da:

Il premier Matteo Renzi: “Italia non è mai stata fuori da recessione, ma possiamo farcela”

renzi

Non intende mollare: “Dalla recessione non siamo mai usciti tecnicamente”, ma “con buona pace di gufi e sciacalli, l’Italia non è finita e può continuare ad essere un punto di riferimento”. A parlare è Matteo Renzi, ospite alla trasmissione televisiva di La7 “In Onda”, che affronta il tema caldo dell’economia.

ITALIA CE LA PUO’ FARE – Pur avvertendo che “alcuni dati dicono che persino paesi come la Germania che hanno dati molto meglio dei nostri iniziano a dare segnali non belli”, Matteo Renzi continua a professarsi ottimista. Perchè l’Italia è “la seconda manifattura d’Europa, c’è domanda d’Italia nel mondo”. L’inversione di rotta ha dunque spazio per materializzarsi, ma ad una condizione: “l’Italia deve cambiare”.

RECESSIONE TECNICA – Il premier minimizza il concetto di recessione tecnica: “dipende dal segno meno consecutivo negli ultimi due trimestri. Ma negli ultimi anni l’Italia ha il segno meno per 11 volte, tranne una pausa. Dalla recessione non siamo mai usciti”. E mostra fermezza dinanzi alle ipotesi di sfacelo: “l’Italia ha delle condizioni economiche per le quali è molto più forte delle paure di chi o teme un default o un fallimento. L’ipotesi che arrivino lettere da Bruxelles non esiste”.

renzi

DEFICIT/PIL E DRAGHI – Matteo Renzi non nega le difficoltà, a partire dal 2015 in cui per stare sotto il 3% di rapporto deficit/Pil “anche con una crescita non esaltante, a noi servono 16 miliardi di spending review”. E si mostra concorde con Draghi, il quale “ha detto una cosa sacrosanta: dobbiamo rimettere in ordine l’Italia per farla diventare più competitiva”.

RIFORME – Il premier affronta anche il nodo riforme, a partire dal ddl Senato. Matteo Renzi rivendica il successo: “oggi si è finito di votare gli emendamenti. Scommettevano che non ce l’avremmo fatta, ora io dico grazie ai senatori che hanno sopportato gli insulti e hanno portato a casa il voto di 7.000 emendamenti alcuni dei quali ostruzionistici”. Una riforma che è importante perchè dimostra “che la politica per una volta non chiede sacrifici alla gente ma a se stessa”, e va ad aggiungersi agli 80 euro, “simbolo che per la prima volta non abbiamo chiesto ma dato ai cittadini”.

TAGLIARE LE TASSE – Per il 2015 Matteo Renzi annuncia anche una riduzione della pressione fiscale: “se nel 2014 abbiamo dato 80 euro da maggio, abbiamo fatto 8/12 mentre il prossimo anno ridaremo tra i 10 e gli 11 miliardi”. Come? Tramite una manovra di taglio alla spesa, già avviata con la riduzione delle auto blu e l’imposizione del tetto agli stipendi dei manager pubblici.

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: