•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 8 agosto, 2014

articolo scritto da:

Obama autorizza bombardamenti in Iraq

Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha autorizzato raid aerei mirati contro gli estremisti islamici dell’Isis che stanno avanzando nel nord dell’Iraq. “Non potevamo tenere gli occhi chiusi” ha detto Obama. Gli americani lanceranno anche cibo e medicinali alla popolazione civile che sta fuggendo.

Sarebbero centomila i cristiani in fuga dalle città del nord dell’Iraq conquistate nelle ultime settimane dall’Isis. Monsignor Joseph Thomas, arcivescovo di Kirkuk e Sulaymaniyah, ha raccontato che i guerriglieri saccheggiano le case e non risparmiano le chiese. Nel mirino dei miliziani ci sono tutti coloro che non sono di fede sunnita.

Bombardamenti mirati se necessario ma niente di più, su questo Obama è stato chiaro: “Come comandante in capo, non permetterò che gli Stati Uniti siano trascinati in un’altra guerra in Iraq. Le truppe americane non torneranno a combattere in quel paese”.

usa3

Photo by The Us ArmyCC BY 2.0

Il Washington Post ha sottolineato che dopo settimane di riluttanza ad intervenire, la Casa Bianca ha deciso di passare all’azione in seguito all’avanzata dell’Isis, che ha spinto indietro i Peshmerga curdi dilagando nel nord dell’Iraq e puntando verso Erbil, città dove gli Usa hanno un consolato, diplomatici, personale militare.

In America chi si oppone all’intervento sostiene che il rischio di restare invischiati in un nuovo conflitto iracheno c’è ed è elevato: sarebbe stato meglio spingere per un intervento umanitario dell’Onu. Altri accusano Obama di aver sottovalutato la crisi siriana e di aver condotto male la transizione politica dell’Iraq: l’avanzata dell’Isis è frutto di questi errori strategici, errori ai quali ora l’America è costretta a riparare.

Quel che è certo è che la Casa Bianca avrebbe fatto volentieri a meno di una operazione militare in Iraq. Obama è stato il presidente del disimpegno. È stato il presidente del ritiro dei soldati dall’Iraq. Nel corso della campagna elettorale per le presidenziali del 2008, Obama mise al centro del suo programma proprio la chiusura del capitolo iracheno.

L’idea di impegnarsi di nuovo in Iraq non piace agli americani, che hanno spinto i grandi temi di politica estera in fondo ai loro pensieri e che hanno sempre meno voglia di impegnarsi direttamente all’estero. Le elezioni di metà mandato sono alle porte. La popolarità del presidente è bassa.

Pochi giorni fa Obama aveva dichiarato che gli Usa non possono intervenire ovunque ci sia una crisi. Nel frattempo, con la decisione presa ieri, Obama è diventato il quarto presidente di fila a ordinare un’azione militare in Iraq.

Immagine in evidenza: photo by The Us ArmyCC BY 2.0

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: