pubblicato: giovedì, 18 ottobre, 2018

articolo scritto da:

Conto corrente: imposta di bollo e costi, come non pagarli

Conto corrente: imposta di bollo e costi, come non pagarli

Conto corrente: imposta di bollo e costi, come non pagarli

Imposta di bollo su conto corrente: quando si paga


I titolari di un conto corrente si trovano spesso a fronteggiare spese di cui farebbero volentieri a meno. Tra queste spunta l’imposta di bollo, differente per persone fisiche e per aziende; una “tassa” che però si può anche evitare di pagare scegliendo di aprire un conto in una banca piuttosto che in un’altra. Infatti ci sono alcuni istituti di credito che si accollano le spese dell’imposta di bollo, prendendola a proprio carico. Rientrando magari con altri tipi di spese, ricavabili ad esempio dalle operazioni effettuate allo sportello.

Conto corrente: imposta di bollo, costi e calcolo

L’imposta di bollo è una tassa che si applica sul conto corrente, che viene prelevata direttamente dalla Banca o dalle Poste periodicamente. Può essere annuale, o suddivisa in rate trimestrali o mensili. L’importo dell’imposta è differente se si tratta di persone fisiche o giuridiche. Per le prime il costo ammonta a 34,20 euro, mentre per i soggetti differenti dalle persone fisiche il costo è di 100 euro. L’imposta è prevista anche sui conti deposito, ma in questo caso ammonta allo 0,20% della giacenza media.

Tuttavia l’imposta di bollo non va pagata se la giacenza media sul conto è inferiore a 5.000 euro. Come si calcola la giacenza media? Bisogna considerare tutti gli estratti conto ricevuti durante l’anno; quindi raccogliere i dati corrispondenti ai “numeri creditori”, che in alcune banche possono essere anche denominati in altri modi (esempio: calcolo delle competenze, riassunto scalare, etc.). A questo punto bisognerà sommare tutti i numeri creditori di cui sopra e infine dividerli per 365. In caso di conto corrente cointestato, la giacenza media va divisa per due. Se invece si possiedono due conti correnti presso lo stesso istituto bancario, la giacenza media andrà calcolata su entrambi i conti e quindi sommata. Ad esempio, se su un conto la giacenza media è di 2.000 e nell’altro di 4.000, allora bisognerà pagare l’imposta di bollo.

Prelievi e versamenti: ecco le soglie in vigore.

Conto corrente: imposta di bollo, come non pagare

Quindi, come abbiamo visto sopra, i titolari di conto corrente con giacenza media inferiore a 5.000 euro non sono tenuti al pagamento dell’imposta di bollo. Questo non è il solo caso in cui il pagamento della tassa non è previsto. Infatti, anche chi possiede un Conto Base ha diritto all’esonero di questo pagamento. Si tratta di un conto corrente a zero spese offerto a chi a un certificato Isee inferiore alla soglia annua prestabilita (attualmente è 8.000 euro). Per aprire questo tipo di conto ed essere esente dalle spese di gestione e dall’imposta di bollo, bisognerà presentare entro il 31 maggio di ogni anno l’attestazione Isee.

Come abbiamo scritto all’inizio, alcune banche consentono di aprire un conto senza imposta di bollo. Con quest’ultima che viene presa a carico dagli stessi istituti di credito. Ad esempio è quello che fa Che Banca!, che opta per un pagamento (3 euro) per tutte le operazioni effettuate allo sportello. In prima fila c’è anche Banca Sella: tramite websella.it sarà infatti possibile aprire un conto gratuito. Altre opzioni guardano al conto corrente Fineco e a Hello! Money di Hello! Bank.

Anche per quanto riguarda il conto deposito alcuni istituti vengono incontro ai clienti. Stiamo parlando di Banca Sistema e di Banca Farmafactoring (tramite Conto Facto), che azzerano l’imposta di bollo e l’eventuale canone annuo.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

La mano scorticata

articolo scritto da: