pubblicato: domenica, 21 ottobre, 2018

articolo scritto da:

Visita fiscale Inps: malattia negata senza controllo medico. Chi rischia

Visita fiscale Inps: malattia negata senza controllo medico

Visita fiscale Inps: malattia negata senza controllo medico. Chi rischia

Quando la malattia viene negata, i diritti del lavoratore


La visita fiscale Inps è un universo dove continuano a rincorrersi domande, dubbi, questioni e risposte. In questo articolo affronteremo alcuni casi poco discussi riguardanti le assenze per malattia, soffermandoci anche su quelle strategiche e su una recente sentenza del Tribunale di Roma (Sez. Lavoro) che potrebbe cambiare le carte in tavola. Ma procediamo con ordine e iniziamo a capire se la malattia possa essere negata senza controllo medico o con visita medica positiva; ovvero qual è il potere del datore di lavoro (e del lavoratore stesso) nei confronti della prognosi certificata dal medico.

Visita fiscale Inps: malattia negata e rientro anticipato

Un lavoratore si assenta per malattia e dunque è soggetto alla visita fiscale Inps. Mettiamo il caso in cui questa non arrivi, oppure arrivi e dia esito positivo, certificando così la malattia e confermando il periodo di prognosi. Il lavoratore potrà tornare al lavoro quando sarà completamente guarito e al tempo stesso non dovrà mettere a repentaglio il processo di guarigione. Quest’ultima dovrà essere tale da non consentire un eventuale contagio tra i suoi colleghi. Tuttavia a lavoro hanno bisogno di lui e il datore di lavoro vorrebbe anticiparne il rientro per delle urgenze da sbrigare. Può farlo? La risposta è negativa.

Il datore di lavoro e il lavoratore stesso hanno davvero poco potere nel voler cambiare la tempistica del periodo di malattia. Quindi, se da un lato il datore di lavoro può controllare il lavoratore anche tramite investigatore privato onde individuare una condotta scorretta, dall’altro non può ordinargli il rientro anticipato rispetto alla fine del periodo prescritto. E neppure il lavoratore può rientrare prima perché si sente meglio, anche se questa eventualità rientra in una casistica piuttosto rara.

Orario medico: ecco quante probabilità ci sono.

Visita fiscale Inps: assenze strategiche per malattia, nuova sentenza

Il sistema della visita fiscale Inps, con il cervellone per ora messo in stallo, è finalizzato a contrastare i furbetti delle assenze strategiche. Ovvero coloro i quali si assentano dal lavoro per malattia sempre a ridosso di weekend e giorni festivi, di fatto prolungando i periodi vacanzieri. Come riporta Il Giornale, una sentenza del Tribunale di Roma Sezione Lavoro ha però dato una speranza ai datori di lavoro che finora si sono visti con le mani legate di fronte a questo spiacevole fenomeno. Il tribunale ha infatti riconosciuto legittimo il licenziamento nei confronti di dipendenti che usano ferie, permessi e assenze per malattia a ridosso di weekend e giorni festivi. Soprattutto una reiterata condotta in questo senso e quindi un ingente numero di assenze porta il lavoratore a generare scarso rendimento e quindi ad arrecare danno nei confronti del datore di lavoro.

Usare Facebook in orario medico: rischio licenziamento?

Nel caso specifico una dipendente si era assentata 120 giorni su 248 di lavoro. Praticamente la metà. Il ricorso al giudice effettuato dalla dipendente è stato tuttavia rigettato dal Tribunale capitolino, che ha fatto riferimento alla sentenza n. 18678/2014 della Corte di Cassazione. In questa si precisava che le assenze strategiche effettuate in grande quantità “davano luogo a una prestazione lavorativa non sufficientemente e proficuamente utilizzabile per la società; rivelandosi la stessa inadeguata sotto il profilo produttivo e pregiudizievole per l’organizzazione aziendale così da giustificare il provvedimento risolutorio”. Si tratta di una novità importante, che si aggiunge alla legittimità del licenziamento nei casi di superamento del periodo di comporto relativamente alle assenze per malattia del lavoratore.

Secondo l’avvocato Roberto Podda, intervistato dal quotidiano milanese, qualora tale sentenza dovesse trovare un seguito “nelle corti di merito o fosse fatta propria dalla Cassazione, diverrebbe essenziale per stabilire la legittimità di un licenziamento intimato in casi simili”; questo riguarderebbe non solo il numero di assenze per malattia, ma anche la collocazione delle stesse posta in modo strategico.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOKTWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

La mano scorticata

articolo scritto da: