pubblicato: venerdì, 21 Settembre, 2018

articolo scritto da:

Indennità di disoccupazione Naspi con lavoro autonomo, il messaggio Inps

Prescrizione disoccupazione Inps: decadenza o accoglimento, i tempi

Indennità di disoccupazione Naspi con lavoro autonomo, il messaggio Inps

L’indennità di disoccupazione, altrimenti detta Naspi, è una prestazione in favore dei lavoratori che perdono il posto di lavoro in modo involontario. Tuttavia, in generale, si può dire che riguarda soltanto i lavoratori subordinati. Insomma, come si precisa sul sito dell’Inps, l’assegno non è erogabile a delle specifiche categorie di lavoratori. In breve, si tratta dei dipendenti a tempo indeterminato della PA; dei lavoratori stagionali con permesso di soggiorno; degli operai agricoli. Non importa poi se questi ultimi sono a tempo determinato o indeterminato.

La circolare dell’Inps su Naspi e lavoro autonomo in agricoltura

D’altra parte, l’ente previdenziale ha dovuto spesso chiarire delle problematiche legate al rapporto tra Naspi e lavoro autonomo. Per esempio, l’anno scorso; in quell’occasione, l’Inps ha precisato che l’essere titolari di Partita Iva non costituisce – da sola – condizione sufficiente a considerare il lavoratore, appunto, “autonomo”. In sostanza, percepire la Naspi è compatibile con un reddito proveniente da lavoro autonomo. Anche se solo nel caso in cui questo resti al di sotto di una determinata soglia. Stessa cosa per i lavoratori para subordinati.

Indennità di disoccupazione: le precisazioni dell’ente

D’altronde, è intervenuta sul punto anche una recente sentenza della Corte Europea; in essa si sostiene che il concetto di disoccupazione involontaria non può essere circoscritto ai rapporti di lavoro subordinati. In breve, può rientrare nella nozione anche la cessazione di un’attività professionale. I magistrati Ue hanno scritto a tal proposito come questa possa essere causata da “ragioni indipendenti dalla volontà della persona interessata”; per esempio, “una situazione di recessione economica”.

L’ultima circolare Inps a tal proposito – nello specifico, è rivolta ai lavoratori agricoli – conferma questa possibilità. Quindi, l’assegno Naspi non è a rischio per i lavoratori autonomi a patto che il reddito derivante dall’attività professionale non sia superiore ai 4.800 euro lordi all’anno.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

articolo scritto da: