pubblicato: mercoledì, 3 Ott, 2018

articolo scritto da:

Roberta Ragusa: omicidio premeditato da Antonio Logli? L’ipotesi

roberta ragusa

Roberta Ragusa: omicidio premeditato da Antonio Logli? L’ipotesi

Si avvicina il giorno degli ultimi pronunciamenti sulla colpevolezza di Antonio Logli, su cui grava l’accusa di omicidio e distruzione del corpo di sua moglie, Roberta Ragusa. La donna scomparve misteriosamente tra il 12 e il 14 gennaio 2012, diventando uno dei fatti di cronaca che più ha scosso l’opinione pubblica in questi anni. Il 14 maggio scorso è arrivata la condanna a 20 anni di reclusione per Logli, che però non ha mai smesso di ribadire la propria innocenza. Aleggia ancora, però, il dubbio collaterale: sussiste la premeditazione dell’omicidio?

Le ipotesi ammesse dai giudici della Corte d’Appello sulla morte di Roberta Ragusa. Motivi economici?

Antonio Logli, secondo quanto i giudici sono stati propensi a ritenere, avrebbe ucciso la madre dei suoi figli perché serrato in una duplice morsa. Il matrimonio con Roberta era giunto al capolinea e lui aveva – come del resto sapeva anche Roberta – un’amante. Solo nella notte della sua scomparsa la moglie la identificherà nella loro baby-sitter, Sara Calzolaio.

D’altra parte era proprio Sara a insistere con Logli affinché ufficializzasse la loro relazione clandestina, ma le carenze economiche avrebbero frenato il Logli. Con la separazione e il divorzio dalla moglie, avrebbe perso la proprietà degli immobili e dell’Autoscuola di famiglia (peraltro, intestata alla stessa Roberta Ragusa).

Legge 104 e assegno di invalidità: chi può lavorare da casa come caregiver

Sulla questione della premeditazione: così avevano disposto i giudici

“Il mancato rinvenimento del corpo nonostante le già illustrate massicce ricerche, e a prescindere dalla circostanza tecnica che non sia stata contestata la premeditazione, indica chiaramente che l’imputato si fosse comunque già prefigurato nei dettagli l’evidenza della soppressione della moglie, ponendosi e con un certo anticipo il problema di disfarsi del cadavere”.

Era così scritto nella condanna di secondo grado. Intanto il legale di Antonio Logli, Nicodemo Gentile, sul processo a carico del suo assistito dice in merito: “Tecnicamente a Logli non è stato contestato l’omicidio di premeditazione, quindi lui non risponde di omicidio premeditato”. Non è da escludere che lui, vista la situazione di contrasto e di tensione all’interno della coppia, avesse già prefigurato la possibilità di sopprimere il corpo. Ecco perché la Corte dice che questa potrebbe essere la ragione del mancato ritrovamento del cadavere”.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

articolo scritto da: