pubblicato: lunedì, 10 Dic, 2018

articolo scritto da:

Multa auto targa estera: importo sanzioni, chi non potrà più circolare

Multa auto targa estera importo sanzioni, chi non potrà più circolare

Multa auto targa estera: importo sanzioni, chi non potrà più circolare

Sanzioni e multa targa auto estera: cosa cambia nel 2019


Multa auto targa estero: importanti novità in arrivo. Infatti il maxi emendamento approvato dal Senato in concomitanza col decreto sicurezza modifica alcuni articoli del codice della strada. L’ obiettivo è intervenire sul piano legislativo per porre freno ad un fenomeno sempre più diffuso in Italia, ovvero la circolazione di veicoli, con targhe straniere, di fatto sconosciute ed estranee alla tassazione italiane. Difficilissime da raggiungere in caso di sanzioni e di fatto quasi non ‘ multabili’. Negli anni è aumentato il numero di persone che circolando in Italia con auto con targa estero ha sempre eluso bollo e assicurazioni.

Multa auto targa estera, ‘ esterovestizione’ e casi più frequenti

Il maxi emendamento modifica l’ articolo 93 e 132 del Codice della strada. Ma prima vediamo i casi più frequenti nell’ ampio fenomeno dell’ esterovestizione? Moltissimi italiani comprano automobili di grossa cilindrata, salvo immatricolare le stesse all’ estero. Oppure c’è il caso di chi, da straniero regolare, pur vivendo in Italia una volta acquistato il veicolo preferisce immatricolarlo nel paese di origine. E infine c’è il caso degli stranieri irregolari che circolano sul territorio nazionale, senza che nessuno sappia della loro esistenza.

Multa auto targa estera, eccezioni e documento necessario a bordo

Cosa succede con l’ entrata in vigore delle novità legislative? Interverrà un divieto di circolazione dei veicoli immatricolati all’ estero per chi ha la propria residenza in Italia da più di 60 giorni. Con delle eccezioni: con riferimento a veicoli concessi in leasing o locazione senza conducente da parte di imprese straniere (europee). In tal caso “ a bordo del veicolo deve essere custodito un documento, sottoscritto dall’ intestatario e recante data certa, dal quale risultino il titolo e la durata della disponibilità del veicolo”.

Multa auto targa estera, sanzioni 

Pesanti dal punto di vista economico le sanzioni. In caso di violazione della legge si applica la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 712 a euro 2.848. Dopo i 180 giorni, “ qualora il veicolo non sia immatricolato in Italia o non sia richiesto il rilascio di un foglio di via per condurlo oltre i transiti di confine, si applica la sanzione accessoria della confisca amministrativa“.

Infine in caso di mezzo in leasing o noleggio e assenza del necessario documento che certifichi la disponibilità, il soggetto sarà tenuto al pagamento di una sanzione di 250 euro. Lo stesso documento va a quel punto esibito entro 30 giorni, termine durante il quale interverrà il fermo amministrativo.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

articolo scritto da: