22/11/2018

Eurolega: Milano-Baskonia 93-90, arriva la sesta vittoria per l’Armani

autore: Alessandro Guaschini
Eurolega
Eurolega: Milano-Baskonia 93-90, arriva la sesta vittoria per l’Armani

Dopo la vittoria sul campo del Darussafaka di settimana scorsa, Milano vince anche al Forum contro un Baskonia in crisi. Infatti Pedro Martinez è stato esonerato dopo la sconfitta contro il Podgorica e al suo posto è stato richiamato Velimir Perasovic, che aveva già allenato i baschi in passato. La reazione della squadra di Vitoria c’è stata, ma non sufficiente a fermare l’Olimpia, trascinata da James e Micov.

LEGGI ANCHE: Serie A basket 2018-2019: diretta streaming o TV, dove vedere le partite

Eurolega: il primo tempo di Milano-Baskonia

Milano schiera nel quintetto iniziale Tarczewski, Brooks, Cinciarini, Micov e James: sono proprio questi ultimi due a guidare la squadra verso la vittoria. Il serbo comincia alla grande, realizzando 13 punti nel primo quarto con 3/4 dall’arco, mentre l’ex Panathinaikos segna e distribuisce assist per tutti. Dall’altra parte è il centro francese Poirier a tenere vivo il Baskonia, capace di realizzare 10 punti nei primi 10 minuti. Si fa invece vedere poco l’ex Trento Shields, fischiato dal pubblico, che riesce a realizzare i primi due punti della partita, poi più nulla.

L’Olimpia conduce 23-16 a pochi minuti dalla fine del primo quarto, ma dopo il timeout ospite il punteggio recita 27-26 alla fine della prima frazione. Nel secondo quarto entra Jerrels e fa molto bene, realizzando un paio di triple, poi i ritmi si abbassano fino a quando Milano realizza tre bombe di fila e si porta sul 44-34, +10 e massimo vantaggio per i padroni di casa. E qui i giocatori dell’Armani si riposano sugli allori: qualche errore di Tarczewski e Mike James che non torna al meglio sul campo, fanno rientrare il Baskonia che realizza un parziale di 9-0. Dopo la tripla di Brooks, il secondo quarto finisce 47-43.

Eurolega: il secondo tempo di Milano-Baskonia

Tornati sul parquet dopo l’intervallo, si sveglia Mike James, che realizza 10 punti in pochi minuti. Grazie a lui e a Micov Milano ritorna +10, ma ancora una volta l’Olimpia si fa rimontare e dopo poco il punteggio torna in equilibrio sul 66-64. In seguito al timeout obbligatorio, Milano torna a dare segni di vita e chiude il terzo quarto sul 73-68. Nell’ultima frazione di gioco l’Armani prova ad allontanarsi e si porta sul 88-79.

Ma il Baskonia non molla e le triple di Hillard e Vildoza riportano gli ospiti a -3. Milano non segna più, e la squadra di Vitoria ha qualche occasione per portarsi sul 88-88, senza però riuscirci. Allora l’Olimpia trova qualche punto prezioso dalla lunetta e si porta 93-87 a 20 secondi dalla fine. Ma proprio quando tutto sembrava finito arriva la tripla del -3 di Janning, capace di realizzare 18 punti. 6 decimi rimasti sul cronometro e Micov sbaglia la rimessa regalando l’ultima speranza al Baskonia, che però non fa in tempo a costruire un buon tiro, così la partita si conclude sul 93-90.

Eurolega: l’analisi di Milano-Baskonia

MILANO: Micov 22, James 20, Jerrels 13, Brooks 12

BASKONIA: Janning 18, Poirier 18, Vildoza 15, Huertas 10

L’Olimpia vince con qualche difficoltà. È sempre stata avanti tutta la partita, ma ogni volta che provava a portarsi in vantaggio di una decina di punti, il Baskonia è sempre stato capace di ritornare lì, punto a punto. Molto importante il tiro da 3 per Milano: infatti la percentuale dall’arco è stata del 47%. Micov e Mike James si confermano gli uomini leader di Milano, sesta vittoria per l’Armani che si porta quarta in classifica. E domani ci sarà la temibile trasferta di Barcellona.

SEGUI IL TERMOMETRO SPORTIVO ANCHE SU FACEBOOKTWITTER E TELEGRAM

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Autore: Alessandro Guaschini

Nato a Voghera il 23 luglio 1996 ma residente a Vigevano, è laureato in Economia e Gestione Aziendale presso l'Università Cattolica di Milano. Scrive per il Termometro Politico dal 2018, in particolar modo si occupa di articoli sportivi che spaziano da basket a calcio, sia italiano che internazionale. E-mail: [email protected]
    Tutti gli articoli di Alessandro Guaschini →