pubblicato lunedì, 14 Gennaio 2019

articolo scritto da

Bozza decreto Reddito di Cittadinanza: requisiti e limite prelievo in pdf

Bozza decreto Reddito di Cittadinanza requisiti e limite prelievo in pdf
Bozza decreto Reddito di Cittadinanza: requisiti e limite prelievo in pdf

Reddito di cittadinanza 2019: la bozza in pdf


Il decreto che introduce il Reddito di cittadinanza e Quota 100 dovrebbe essere pronto al massimo per lunedì. E l’approvazione definitiva è attesa nel corso della prossima settimana: tra lunedì 7 e venerdì 11 gennaio 2019. Il testo introduce una serie di limitazioni che hanno l’obiettivo, come promesso da Salvini, di escludere dalla platea di beneficiari i “furbi”.


Reddito di Cittadinanza: requisiti economici

La misura di contrasto alla povertà dovrebbe costare 6,11 miliardi da aprile, il primo assegno si potrà ricevere a decorrere da maggio, fino alla fine 2019. L’iniziativa riguarderà un milione e 325 mila famiglie, incluse anche quelle degli stranieri che hanno un permesso di soggiorno di lungo periodo e risiedono in Italia da almeno 10 anni. Queste ultime dovrebbero essere circa 200-250mila. 387mila, invece, i singoli che beneficeranno del Reddito di Cittadinanza.

Per poterlo richiedere, innanzitutto, il proprio Isee deve essere inferiore ai 9.360 euro. Inoltre, il valore del proprio patrimonio immobiliare non deve superare i 30mila euro mentre il patrimonio mobiliare non deve superare i 6mila euro. Tale importo, però, è maggiorato di 2mila euro per ogni componente della famiglia fino a un massimo di 10mila euro, di mille euro per ogni figlio successivo al secondo e di 5mila per ogni componente disabile.

Il testo del decreto che introduce il Reddito di Cittadinanza

Reddito di Cittadinanza: importo e restrizioni

In generale, il reddito verrà erogato il primo mese successivo a quello della richiesta. L’importo sarà di 500 euro – 6mila euro all’anno – moltiplicati per il parametro della scala di equivalenza in base al numero dei figli più 280 euro (3.360 euro all’anno) per il sostegno alle spese per l’affitto. Dunque per i singoli sarà pari a massimo 780 euro, mentre per una famiglia composta, per esempio, da 3 adulti e 2 minorenni, l’importo crescerà fino a 1.330 euro.

Non si potrà ricevere l’assegno se è stata acquistata un’auto nei sei mesi precedenti alla richiesta o un’auto di cilindrata superiore ai 1600 cc o una moto di cilindrata superiore ai 250 cc nei due anni precedenti. Non si ha diritto al reddito neanche se un componente della famiglia possiede una barca o un’imbarcazione da diporto. Il reddito di cittadinanza è compatibile con la Naspi ma non può essere erogato alle famiglie con un componente che si è licenziato nei 12 mesi precedenti alla richiesta (dimissioni per giusta causa escluse).

Infine, chi riceve il reddito si impegna a seguire un percorso di inserimento nel mondo del lavoro. Quindi, dovrà accettare almeno una delle tre offerte di lavoro che gli verranno fatte. Queste saranno entro i 100 chilometri nei primi 6 mesi, entro i 250 dopo i 6 mesi, in tutta Italia dopo un anno (se in famiglia non vi sono minori o disabili). L’importo spettante sarà caricato su un’apposita carta: non permetterà prelievi oltre i 100 euro. Se si occultano redditi e patrimoni per rientrare tra i beneficiari o si lavora in nero reclusione da 1 a 6 anni. Il reddito viene erogato per un massimo di 18 mesi ma è possibile rinnovarlo in caso di sospensione.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

articolo scritto da: