17/04/2019

Reddito di cittadinanza: calendario domande di Poste Italiane a marzo

autore: Daniele Sforza
Reddito di cittadinanza calendario domande Poste Italiane
Reddito di cittadinanza: calendario domande di Poste Italiane a marzo

Calendario marzo: domanda RdC


Mercoledì 6 marzo 2019 è il giorno in cui si potrà cominciare a inoltrare la domanda per il reddito di cittadinanza. Lo si potrà fare online sul sito governativo dedicato alla misura (redditodicittadinanza.gov.it), così come presso i Centri di Assistenza Fiscale e presso gli uffici di Poste Italiane. Il termine per presentare le richieste è il 31 marzo: in questo modo si potrà ricevere il beneficio direttamente ad aprile.

Domanda reddito di cittadinanza: la procedura

La domanda per il reddito di cittadinanza può quindi essere presentata attraverso 3 modalità, ma tra queste non spicca l’Inps. L’Istituto di previdenza si occuperà di verificare la correttezza dei requisiti e di fare le opportune verifiche per l’elargizione del beneficio. Presso gli uffici di Poste Italiane, in ogni caso, sarà possibile presentare richiesta dopo il quinto giorno di ogni mese per avere il beneficio nel mese successivo.

Dopo aver fatto domanda, l’Inps controllerà i requisiti entro 5 giorni in base alle informazioni in loro possesso, quindi procederà ad accogliere o a rifiutare la domanda. Nel primo caso il beneficiario riceverà sull’apposita Carta Reddito di Cittadinanza emessa da Poste il beneficio mensile, che servirà per far fronte alle spese di prima necessità, e ha dei limiti di prelievo (100 euro al mese per nucleo familiare da 1 componente) e di bonifico (1 al mese verso la banca che ha concesso il mutuo o il proprietario verso cui si paga l’affitto).

Reddito di cittadinanza: domanda alle Poste Italiane, le ultime

Affaritaliani ha pubblicato una foto che ritrae un messaggio probabilmente affisso davanti uno degli uffici di Poste. “Per una migliore gestione delle richieste del reddito di cittadinanza vi invitiamo a presentare le domande in funzione del cognome dei richiedenti”. E così si dividono le iniziali del cognome per i giorni della settimana incriminata. Si comincerebbe mercoledì 6 marzo con tutti quelli il cui cognome inizia per A o B, e poi si avanzerebbe a giovedì 7 marzo per quelli il cui cognome inizia con la C e così via, fino a mercoledì 13 marzo, giorno in cui dovranno presentarsi coloro che hanno il cognome che inizia con S, T, U, V, X, Y, W, Z. Inoltre si precisa che le domande richieste in un giorno diverso da quello indicato saranno comunque accettate e sotto la firma di Poste Italiane.

Restano comunque diversi dubbi e potrebbe sembrare un vademecum stampato per esigenze organizzative solo da un ufficio. In ogni caso non un vademecum generale, anche perché sul sito di Poste Italiane non compare ancora nulla a riguardo.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a [email protected]

Autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →