Investimenti sicuri 2019: come guadagnare diversificando il capitale

Pubblicato il 21 Marzo 2019 alle 13:07 Autore: Daniele Sforza

Quali sono gli investimenti sicuri 2019? Come è possibile guadagnare? Diversificando: è questa la parola d’ordine per ridurre il livello di rischio.

Investimenti sicuri 2019 diversificare
Investimenti sicuri 2019: come guadagnare diversificando il capitale

Lo abbiamo ripetuto spesso nei nostri articoli sugli investimenti. La parola d’ordine è sempre una sola: diversificare. E lo sarà anche per connotare gli investimenti sicuri 2019. Diversificare il capitale per ridurre al minimo il livello di rischio. L’argomento è stato oggetto anche di un servizio a cura di Silvia Ciufolini, andato in onda nell’ultima puntata di DiMartedì, su La7.

Investimenti sicuri 2019: quale scegliere?

Molte persone che non hanno mai pensato di fare qualche investimento, ci pensano la prima volta quando nasce un figlio. Almeno fino a pochi anni fa “aprire un libretto di risparmio al proprio bimbo era tra le scelte più diffuse”. Ma oggi la situazione è un po’ cambiata, visto che come altro prodotto di investimento sono subentrate le monete d’oro. L’esperto di numismatica Luigi Arci fa qualche esempio. Si parla di marengo austriaco, svizzero, italiano e francese, per un valore che spazia dai 240 ai 250 euro. Poi c’è la sterlina, il lingotto e infine il Krugerrand del Sudafrica, che ha un valore di ben 1.400 euro.

Investimenti sicuri 2019: italiani poco abituati

Si sa che un investimento può celare in sé anche una forma di rischio. E forse è per questo che gli italiani investono poco. La giornalista riporta alcuni dati di Bankitalia, secondo i quali quasi 1,5 miliardi della ricchezza finanziaria resta a vegetare sui conti correnti, un “deposito” che però non rende. Anzi, arriva anche a costare in media, circa 142 euro annui per la gestione delle operazioni. Un po’ meno i conti online, che hanno comunque un costo medio di 26 euro annui. Diverso il discorso per i conti deposito vincolati, il cui costo annuo è pari a zero euro, e al quale corrisponde di contro uno 0,5% di tasso medio annuo di interesse.

Investimenti sicuri 2019: fattori da considerare

L’educazione all’investimento può dunque partire da un assunto: esistono diverse forme, prodotti e strumenti di investimento. E al tempo stesso i livelli di rischio possono essere nulli, così come elevatissimi. Naturalmente, più il rischio è basso, minore sarà il rendimento. Al contrario, più il rischio è alto, maggiore sarà l’eventuale rendimento (o la potenziale perdita).

Per questo motivo, prima di investire bisogna ragionare su alcuni fattori. L’età, in primis, per considerare l’orizzonte temporale dell’investimento. Ma anche le esigenze del singolo investitore, e le finalità del risparmio accumulato e che genera rendimento.

Investimenti sicuri 2019: rischio e rendimento

Tra i prodotti più rischiosi ma con un rendimento più elevato spiccano le note azioni, obbligazioni e prodotti derivati. Chi invece è poco avvezzo al rischio, può puntare sulle polizze assicurative: rendimento minore, ma anche rischio basso, oppure sui fondi di investimento.

Resta però un dogma per chi vuole investire nel 2019: la diversificazione. Solo in questo modo sarà possibile non solo minimizzare il rischio, ma anche aumentare il potenziale rendimento. Magari puntando anche su prodotti più rischiosi, avendo sempre una copertura su forme di investimento meno rischiose, ma dal rendimento più o meno assicurato e costante nel tempo, come spiega Valerio Corallo di WFTrading Roma.

Per ulteriori informazioni sulla diversificazione degli investimenti, vi rimandiamo alla lettura di questo approfondimento.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →