Truffa diamanti banche: rimborso e cosa rischiano Unicredit-Bpm

Pubblicato il 22 Marzo 2019 alle 13:50 Autore: Guglielmo Sano

Truffa diamanti: sono oltre 13mila le richieste di rimborso giunte a Bpm e più di 5mila quelle arrivate a Unicredit da parte dei rispettivi clienti

Truffa diamanti banche: rimborso e cosa rischiano Unicredit-Bpm
Truffa diamanti banche: rimborso e cosa rischiano Unicredit-Bpm

Sono oltre 13mila le richieste di rimborso giunte a Bpm e più di 5mila quelle arrivate a Unicredit da parte dei rispettivi clienti per la vendita di diamanti su cui sta indagando la Procura di Milano; truffa aggravata e autoriciclaggio i reati ipotizzati dai magistrati milanesi. A febbraio è stato disposto un sequestro preventivo di 700 milioni di euro a carico non solo di Bpm e Unicredit ma anche di Banca Aletti, controllata Bpm, Intesa Sanpaolo e Mps.

Truffa diamanti banche: 5 istituti coinvolti

Le due banche (indagate in base alla legge sulla responsabilità amministrativa degli enti) “segnalavano” ai propri clienti la possibilità di investire in pietre preziose attraverso una società esterna; proprio per via degli accordi stretti con quest’ultima gli istituti di credito sono finiti sotto la lente di ingrandimento della magistratura. Si tratta della Idb (intermarket Diamond Business) ormai fallita. Invece, gli altri istituti coinvolti nel caso– Mps e Intesa San Paolo – avevano un rapporto con un’altra società simile, la Dpi (Diamond Private Investment).

Truffa diamanti banche: le ipotesi dei magistrati

Qual è l’ipotesi dell’inchiesta? In pratica, gli istituti di credito incriminati avrebbero spinto alcuni dei propri clienti più o meno facoltosi – anche molti Vip (tra questi Vasco Rossi e Federica Panicucci) – ad investire in diamanti attraverso le società Idb e Dpi.

Un affare che veniva presentato in modo molto accattivante visto che si prometteva un rendimento annuo che poteva toccare il 7-8%; all’epoca gli altri tipi di investimento garantivano al massimo l’1-2%. D’altra parte, gli istituti si sarebbero garantiti un margine di guadagno molto consistente grazie ai prezzi gonfiati, rispetto ai listini internazionali, delle pietre preziose. Nel decreto del Gip si precisa come le banche, tra il 2012 e il 2016, abbiano rimpolpato in modo evidente i propri i bilanci grazie alle commissioni incassate dalla vendita di diamanti; potevano raggiungere anche il 15-18% del controvalore acquistato dal cliente.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →