Pensioni ultima ora: numero assegni e spesa annuale, i dati dell’Inps

Pubblicato il 28 Marzo 2019 alle 19:00 Autore: Giuseppe Spadaro

Pensioni ultima ora: quanto spende il nostro Paese per gli assegni pensionistici. E come si compone l’insieme della spesa annuale. I dati Inps.

Pensioni ultima ora numero assegni e spesa annuale, i dati dell'Inps
Pensioni ultima ora: numero assegni e spesa annuale, i dati dell’Inps

Dall’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale arriva un report con le statistiche delle misure pensionistiche vigenti. Dopo avervi parlato nel dettaglio delle domande pervenute all’Inps di Quota 100 passiamo ad una fotografia generale sulle prestazioni pensionistiche nel nostro Paese. Con numeri e percentuali che ci aiutano a comprendere meglio molti aspetti dell’economia nazionale.

A riepilogarli è l’articolo di Repubblica in cui si richiamano alcuni dati generali. Il valore complessivo delle pensioni è di 204 miliardi, di cui il 61,3% sotto i 750 euro. Il numero complessivo è di 17,8 milioni.
Ben 12,6 milioni di assegni sono inferiori ai 1.000 euro al mese.

Lo studio ed i numeri forniti dall’Inps sono del Coordinamento Generale Statistico Attuariale.

Quota di prestazioni da contributi previdenziali e di natura assistenziali

Del totale di pensioni vigenti dal’inizio del 2019 pari a 17.827.676 sono 13.867.818 quelle di natura previdenziale. Cioè prestazioni che hanno avuto origine dal versamento di contributi previdenziali (vecchiaia, invalidità e superstiti), durante l’attività lavorativa del pensionato. Mentre le altre, costituite dalle prestazioni erogate dalla gestione degli invalidi civili (comprensive delle indennità di accompagno) e da quella delle pensioni e assegni sociali, sono di natura assistenziale. In quest’ultimo caso il riferimento è a prestazioni erogate per sostenere una situazione di invalidità congiunta o meno a situazione di reddito basso.L

Importo complessivo e gestione previdenziali

Come abbiamo detto l’importo complessivo annuo risulta pari a 204,3 miliardi di euro di cui 183 miliardi sostenuti dalle gestioni previdenziali.

Il 49,7% è in carico alle gestioni dei dipendenti privati delle quali quella di maggior rilievo (95,6%) è il Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti. Il fondo gestisce il 47,5% del complesso delle pensioni erogate e il 60,7% degli importi in pagamento. Le gestioni dei lavoratori autonomi elargiscono il 27,7% per un importo in pagamento del 24,2% mentre le gestioni assistenziali erogano il 22,2% delle prestazioni con un importo in pagamento pari al 10,4% del totale.

Categorie delle pensioni

Infine diamo uno sguardo alle categorie. Le prestazioni di tipo previdenziale sono costituite per il 66,8% da pensioni della categoria vecchiaia di cui poco più della metà (56,5%) erogate a soggetti di sesso maschile. Per il 6,6% da pensioni della categoria Invalidità previdenziale di cui il 52,6% erogato a maschi. E per il 26,6% da pensioni della categoria Superstiti che presentano un tasso di mascolinità pari al 12,2%.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Giuseppe Spadaro

Direttore Responsabile di Termometro Politico. Iscritto all'Ordine dei Giornalisti (Tessera n. 149305) Nato a Barletta, mi sono laureato in Comunicazione Politica e Sociale presso l'Università degli Studi di Milano. Da sempre interessato ai temi sociali e politici ho trasformato la mia passione per la scrittura (e la lettura) nel mio mestiere che coltivo insieme all'amore per il mare e alla musica.
Tutti gli articoli di Giuseppe Spadaro →