Pensioni ultime notizie: Quota 100 trappola per i privati, ecco perché

Pubblicato il 2 Maggio 2019 alle 07:46 Autore: Daniele Sforza

Sul tema pensioni ultime notizie riportano la possibile trappola crea-esodati per i lavoratori privati generata da un meccanismo distorto di Quota 100.

Pensioni ultime notizie: trappola Quota 100
Pensioni ultime notizie: Quota 100 trappola per i privati, ecco perché

Se siete lavoratori privati e avete alle spalle 34 anni di contributi, più 4 (quelli della laurea) da riscattare, non presentate le dimissioni per tentare l’accesso a Quota 100. A differenza dai lavoratori pubblici, infatti, i lavoratori privati sono tenuti a dimettersi prima di avviare le pratiche del pensionamento e non possono più tornare indietro. Ma un calcolo errato del requisito di accesso alla misura potrebbe trasformare il pensionando in un nuovo esodato, paradossalmente uno dei problemi creati dalla Legge Fornero che proprio la nuova misura del Governo approvato in una logica anti-Fornero potrebbe riproporre, seppur sotto un’altra veste.

Pensioni ultime notizie: Quota 100 e il requisiti contributivo

Come spiega Il Giornale, nonostante si parli sempre di 38 anni di contributi, il requisito minimo da prendere come riferimento corrisponde a 35. Lo ha detto più volte l’ex presidente Inps Tito Boeri, lo ha spiegato l’Inps in un’apposita circolare rivolta ai Centri di Assistenza Fiscale, mentre sul decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale non sembra esserci cenno.

Pensioni ultime notizie: trappola Quota 100, cosa sapere

Sul termine “esodati” c’è poi una controversia. Come precisa Luigi Metassi sul gruppo Facebook Comitato Esodati Licenziati e Cessati, esodato significa un’altra cosa rispetto a quella che dice Il Giornale, che “li confonde con chi, pur con tutte le attenuanti del caso, è stato imprudente nel presentare una domanda di pensione per Quota 100 senza prima accertarsi di aver ben compreso i vincoli della legge. Forse sarebbe il caso che qualche esodato commentasse l’articolo spiegandogli la differenza chiedendo di rettificare”.

Esodati o no, il problema della trappola-Quota 100 sussiste e potrebbe creare una massa di “imprudenti” (50 mila unità, stima Il Giornale). “Sarà una sorta di sottoinsieme di disoccupati, sessantaduenni, che si ritroverà senza stipendio fino ai 67 anni”, scrive Antonella Aldrighetti. Un problema non da poco, verso il quale ci si potrebbe attendere una soluzione in tempi rapidi. Ma in questi casi usare il condizionale è d’obbligo.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →