Pubblicato il 27/05/2019 Ultimo aggiornamento: 28 Maggio 2019 alle 20:50

Huawei OS Hongmeng: uscita, caratteristiche e anticipazioni

autore: Francesco Somma
Huawei OS Hongmeng: uscita, caratteristiche e anticipazioni
Huawei OS Hongmeng: uscita, caratteristiche e anticipazioni

È stato depositato presso l’ufficio per la proprietà intellettuale di Pechino, il marchio di Huawei. Un marchio che fa espresso riferimento ad un sistema operativo, il cui nome dovrebbe essere Hongmeng. L’azienda cinese sta cercando un’alternativa ad Android e presto potrebbe sviluppare un sistema operativo di cui è il proprietario esclusivo.

Questa decisione arriva in seguito al provvedimento degli Stati Uniti, il quale ha inserito la casa cinese, produttrice di numerosi dispositivi mobili, ma non solo, all’interno della “entity list”. Il provvedimento ha portato numerose conseguenze tra cui la rimozione della licenza Android all’azienda cinese da parte di Google. Ecco quando potrebbe uscire l’OS e quali potrebbero essere le sue caratteristiche.

Huawei OS Hongmeng: le possibili caratteristiche

Un lavoro di sviluppo era già in corso, non in maniera intensiva, ma c’era senz’altro una buona base di partenza. La ragione che si cela dietro lo sviluppo di un sistema operativo proprio non è solo da ricercare nelle disposizioni statunitensi bensì anche nella volontà di una maggiore indipendenza dell’azienda cinese dallo stesso sistema operativo appartenente all’azienda di Mountain View. I dati sull’OS cinese sono al momento scarsi, il sistema potrebbe interessare non solo gli smartphone ma anche i laptop, i televisori e altri dispositivi mobili. Richard Yu, Ceo dell’area consumer dell’azienda, ha affermato che Huawei ha un piano B qualora Google dovesse confermare la disposizione. Il piano però, troverà completa attuazione, solo se il provvedimento di Google e Microsoft sarà definitivo e permanente.

Lenovo Z6 Lite ufficiale: prezzo e uscita in Italia. La scheda tecnica

Huawei OS Hongmeng: quando verrà rilasciato

Il sistema potrebbe vedere la luce tra l’autunno del 2019 e l’inizio del 2020. Tuttavia lo sviluppo della vicenda non sembra destinato a rimanere solo sul piano delle imprese. Da Pechino infatti potrebbero ben presto giungere misure drastiche per far rinsavire gli States. Gao Feng, portavoce del Ministero del Commercio cinese, ha affermato che la Cina adotterà tutti i provvedimenti necessari, volti ad assicurare la protezione delle aziende cinesi.

Il muro contro muro

Alla protesta formale del Ministero del Commercio si aggiunge quella del Ministero degli Esteri cinese, che, sottolinea con fermezza le ingerenze economiche da parte degli Stati Uniti. La Cina, pertanto, non farà arretramenti sulle questioni ritenute “di principio”. Dall’altro lato del mondo inoltre, gli USA, fanno sapere che non molleranno la presa.

Francesco Somma

SEGUI IL NUOVO TERMOMETRO QUOTIDIANO A QUESTO LINK.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a [email protected]

Autore: Francesco Somma

Studente di scienze politiche delle relazioni internazionali. La politica come strumento per realizzare il bene comune e come occasione di incontro di diversi pensieri. Prima di informare bisogna conoscere, essere giornalisti per me significa studiare continuamente per dare al pubblico e a noi stessi un servizio oggettivo, trasparente e gratificante.
Tutti gli articoli di Francesco Somma →