Dichiarazione dei redditi sbagliata dal commercialista: come rettificare?

Pubblicato il 29 Maggio 2019 alle 13:40 Autore: Claudio Garau

Come comportarsi nel caso un commercialista commetta uno o più errori durante la compilazione della dichiarazione dei redditi?

Dichiarazione dei redditi sbagliata dal commercialista come rettificare
Dichiarazione dei redditi sbagliata dal commercialista: come rettificare?

Spesso i cittadini si avvalgono delle conoscenze e dell’attività del commercialista per tutta una serie di pratiche molto comuni: dalla dichiarazione dei redditi fino al pagamento di imposte e tributi. Vediamo di seguito che risposte il diritto dà, nelle circostanze in cui un commercialista commetta uno o più errori nella dichiarazione dei redditi e come, pertanto, ottenere rettifica e ristoro per quanto successo.

Se ti interessa saperne di più sul come redigere una lettera di incarico professionale per partita IVA, clicca qui.

Dichiarazione dei redditi: l’errore da parte del commercialista e il risarcimento del danno

È noto a tutti che, a volte, l’estremo dettaglio richiesto nella compilazione di una dichiarazione dei redditi, potrebbe far incappare in uno sbaglio, vale a dire in un errore certamente non voluto. Anche quando proprio un commercialista sia incaricato di redigerne una. In verità, anche in queste circostanze, è la giurisprudenza ad offrire un utile orientamento e linea da seguire, in quanto ha avuto modo di sancire che la responsabilità del professionista (e quindi l’obbligo di risarcire i danni) scatta anche nel caso di compilazione non corretta della dichiarazione dei redditi.

Se ti interessa saperne di più su che cos’è un timbro postale per data certa, clicca qui.

Infatti, per un commercialista, redigere una dichiarazione dei redditi, pur non essendo in se stessa a volte operazione così semplice, è per lui assolutamente ordinaria e di routine. Ciò comporta che un qualsiasi tipo di errore o svista (ad esempio un errore nel riportare una cifra o nel dimenticare una detrazione fiscale) non è scusabile e dà sempre luogo a responsabilità civile e all’obbligo di risarcire i danni patiti dal cittadino, che ha richiesto la sua prestazione professionale. D’altronde, è proprio l’art. 1176 del Codice Civile (“Diligenza nell’adempimento“) a stabilire che un professionista (e quindi anche un commercialista) deve adempiere a quanto richiesto, secondo la diligenza di una persona del settore di media attenzione e preparazione. Insomma, le sviste o distrazioni che hanno condotto ad uno o più errori nella compilazione della dichiarazione dei redditi non sono mai giustificabili. Ne consegue che un commercialista non diligente o distratto dovrà risarcire i danni al proprio cliente.

In conclusione, onde anche provvedere a rettifiche per tempo e che evitino eventuali strascichi in tribunale con una causa per risarcimento danni, sarà opportuno che il cliente vigili sull’operato del proprio commercialista, in particolare sul rispetto e sulla correttezza degli adempimenti in materia di dichiarazione dei redditi. Insomma, è in ogni caso sconsigliabile quella che potrebbe definirsi una delega “alla cieca”. Ciò in quanto, a volte, una sorta di “supervisione” su chi fa il lavoro professionale è sufficiente ad attuare una tempestiva e rapida correzione e rettifica di eventuali errori, nell’interesse evidente sia del professionista stesso, che del privato cittadino.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Claudio Garau

Laureato in Legge presso l'Università degli Studi di Genova e con un background nel settore legale di vari enti e realtà locali. Ha altresì conseguito la qualifica di conciliatore civile. Esperto di tematiche giuridiche legate all'attualità, cura l'area Diritto per Termometro Politico.
    Tutti gli articoli di Claudio Garau →