Pubblicato il 12/06/2019 Ultimo aggiornamento: 13 Giugno 2019 alle 21:04

Detrazioni spese condominio 2019: minimo, a chi spettano e come averle

autore: Guglielmo Sano
Detrazioni spese condominio 2019: minimo, a chi spettano e come averle
Detrazioni spese condominio 2019: minimo, a chi spettano e come averle

Spese condominio – Alcune spese sostenute per i lavori condominiali possono essere portate in detrazione; i lavori di ristrutturazione, per esempio, cioè quelli per la manutenzione ordinaria e straordinaria delle parti comuni dei condomini, oppure quelli per la riqualificazione energetica, quelli antisismici, o ancora quelli di sistemazione del verde.

Detrazioni spese condominio: bonus ristrutturazione

In sintesi, il bonus per le ristrutturazioni permette di portare in detrazione il 50% delle spese sostenute fino a un tetto massimo di 96mila euro per ogni unità immobiliare. L’agevolazione può essere richiesta esclusivamente per le spese già sostenute – previa presentazione dei relativi bonifici – nel corso dell’anno e deve essere suddivisa tra tutti i contribuenti che possiedono o detengono l’immobile oggetto degli interventi. La detrazione sarà ripartita in 10 quote annuali di pari importo: le somme saranno pagate a partire dal primo gennaio.

Ecobous e bonus verde

L’ecobonus permette di portare in detrazione gli interventi efficientamento energetico tra il 70% (incidenza su 25% della superficie disperdente dell’edificio) e il 75% (ottimizzazione delle prestazioni invernali o estive) fino a dicembre 2021. Invece, il bonus verde consiste in uno scontro del 36% fino a una soglia massima di 5mila euro.

Bonus mobili senza ristrutturazione: importo e requisiti

Bonus antisisma

I lavori antisismici vengono coperti fino a un tetto massimo di 96mila euro (importo da moltiplicare per ciascuna unità immobiliare di ciascun edificio oggetto dell’intervento e da ripartire in 5 quote annuali di pari importo) per una percentuale che varia dal 75% – passaggio a una classe di rischio inferiore – all’85% – passaggio a due classi di rischio inferiori. Le spese di semplice miglioramento della sicurezza antisismica possono essere portate in detrazione fino al 50% (96mila euro il tetto massimo).

Nella dichiarazione dei redditi tutte le informazioni sulle spese condominiali che si vogliono portare in detrazione andranno indicate nel quadro E, sezione III.

SEGUI IL NUOVO TERMOMETRO QUOTIDIANO A QUESTO LINK.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a [email protected]

Autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →