Pubblicato il 13/06/2019

Presidente commissione europea: Merkel candidata ideale della Francia

autore: Alessandro Faggiano
Presidente commissione europea: Merkel candidata ideale della Francia
Presidente commissione europea: Merkel candidata ideale della Francia

Chi succederà al lussemburghese Jean-Claude Juncker? È una delle principali questioni da risolvere in seno all’Unione Europea. Le elezioni europee del 26 maggio non sono state altro che l’inizio, di fatti, della riorganizzazione dell’apparato comunitario. Dopo la ricomposizione del Parlamento – che sì cambia, ma non in maniera così drastica da rovesciare i rapporti di forza tra sovranisti ed europeisti -, si passerà alle nomine che contano. Ci sarà bisogno di pensare a un nuovo presidente del Parlamento Europeo (ruolo attualmente detenuto dallo storico forzista Antonio Tajani). E ancora, il prossimo presidente del Consiglio europeo, il nuovo presidente della Banca centrale europea – che avrà l’arduo compito di sostituire Mario Draghi – e, infine, l’alto rappresentante per la politica estera. Anche qui, altro nome italiano: Federica Mogherini.

A chi andrà il ruolo chiave dell’esecutivo europeo? Macron pensa alla Merkel

Senza alcun dubbio, la nomina di maggior importanza sarà quella del prossimo presidente della Commissione europea, l’organo “esecutivo” dell’Unione. L’attuale presidente della Commissione, Jean-Claude Juncker, sta per concludere il suo mandato e i nomi portati dai principali gruppi parlamentari – il PSE e il PPE – non sono idonei. È questa la posizione del presidente francese, Emmanuel Macron, secondo il quale “L’Europa ha bisogno di volti, personalità forti, di gente che abbia una credibilità personale e le capacità per certe posizioni”. Effettivamente, Angela Merkel è decisamente più conosciuta rispetto allo Spitzenkandidaten del PPE, Manfred Weber.

Il prossimo presidente Commissione europea sarà Angela Merkel?

Il nome è effettivamente “suggestivo”: la Merkel è stata una delle personalità più influenti degli ultimi 15 anni in Europa. Tuttavia, l’attuale cancelliera tedesca ha più volte ribadito di non essere interessata a rivestire incarichi di rilievo in Europa. Ricordiamo che la Merkel ha già dichiarato, tempo fa, di essere al suo ultimo mandato.

L’ipotesi che vede Angela Merkel alla presidenza della Commissione e sospinta da Macron, concreta o meno che sia, mostra la rinnovata sintonia sull’asse franco-tedesco. La partita della Presidenza della Commissione si gioca in contemporanea con quella sulla presidenza della BCE. Secondo le ipotesi più accreditate, Francia e Germania si divideranno la posta in palio. Tra i nomi più gettonati per succedere a Mario Draghi, troviamo Jens Weidmann (Bundesbank). Per la Commissione Europea invece, Macron non solo mostra simpatia per la Merkel, ma fa anche il nome del connazionale Michel Barnier, capo negoziatore della Brexit.

SEGUI IL NUOVO TERMOMETRO QUOTIDIANO A QUESTO LINK.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a [email protected]

Autore: Alessandro Faggiano

Caporedattore di Termometro Sportivo e Termometro Quotidiano. Analista politico e politologo. Laureato in Relazioni Internazionali presso l'Università degli studi di Salerno e con un master in analisi politica conseguito presso l'Universidad Complutense de Madrid (UCM).
Tutti gli articoli di Alessandro Faggiano →