Pubblicato il 13/07/2019 Ultimo aggiornamento: 16 Luglio 2019 alle 17:45

Silvia Romano, ultime notizie: viva fino a dicembre 2018, dov’è ora?

autore: Guglielmo Sano
Silvia Romano, ultime notizie: viva fino a dicembre 2018, dov’è ora?
Silvia Romano, ultime notizie: viva fino a dicembre 2018, dov’è ora?

Emergono delle novità, poche a dire il vero, sul rapimento della cooperante italiana Silvia Romano avvenuto in Kenya ormai 8 mesi fa dopo l’incontro tra il procuratore generale del paese africano e il pubblico ministero che si sta occupando del caso Sergio Colaiocco.

Silvia Romano: confermati i dettagli già noti

Nel corso del faccia a faccia la ricostruzione degli eventi è finalmente diventata più precisa: per esempio, il rapimento di Silvia Romano, avvenuto il 19 novembre 2018 nel villaggio di Chakama, Sud del Kenya, dove la cooperante si trovava nel quadro di un progetto di un’associazione italiana, finora sembrava essere stato condotto da sole 3 persone. In realtà, appare sempre più chiaro che a rapire la Romano siano state 8 persone, una banda di criminali comuni che nei giorni precedenti al fatto avevano seguito gli spostamenti della ragazza.

Poche altre novità sono emerse, tuttavia, dettagli già noti agli organi di stampa hanno trovato definitiva conferma nel corso dell’incontro con cui le autorità kenyote hanno ragguagliato quelle italiane sul prosieguo delle indagini: Silvia Romano, senza cellulare e senza passaporto, è stata portata via a bordo di una motocicletta e portata in una zona nei pressi del fiume Tana. I suoi rapitori l’avrebbero ceduta, più o meno a fine dicembre, a un’altra banda di criminali, dunque, fino ad allora era sicuramente in vita.

Pochi passi avanti

Per quello che si apprende, le conferme sarebbero arrivate grazie alle dichiarazioni di tre cittadini somali arrestati perché sospettati di aver partecipato al rapimento: a fine luglio comincerà il processo per due di loro. Insomma, come si diceva, nessuna particolare novità; d’altra parte, già a marzo, lo stesso premier Conte si era trovato ad ammettere che ben pochi passi avanti erano stati fatti nelle indagini negli ultimi mesi: non è chiaro quanto stia pesando sul caso il difficile rapporto – che però starebbe migliorando come testimonia, appunto, l’incontro – tra gli inquirenti del paese africano e quelli italiani (che probabilmente seguono ancora la pista che vorrebbe la Romano in Somalia trattenuta fai terroristi islamisti di Al Shaabab, versione a più riprese rifiutata da Nairobi). Carabinieri e Guardia di Finanza presto forniranno un supporto diretto alle indagini.

SEGUI IL NUOVO TERMOMETRO QUOTIDIANO A QUESTO LINK.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a [email protected]

Autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →