02/08/2019

Educazione civica a scuola 2019: legge approvata, ecco cosa prevede

autore: Daniele Sforza
Educazione civica a scuola 2019: legge approvata, ecco cosa prevede

Educazione civica, da tempo in molti ne volevano la reintroduzione negli istituti scolastici. La buona notizia è che a partire da settembre 2019 sarà reintrodotta l’ora di educazione civica. Il disegno di legge sull’argomento è stato infatti approvato in Senato nella giornata di giovedì 1 agosto con 138 sì e 38 astensioni. Gli studenti della scuola primaria e secondaria saranno quindi tenuti ad affrontare l’ora di educazione civica, che sarà anche oggetto di esame per le scuole medie e superiori. Diverso il discorso per le scuole elementari dove l’educazione civica sarà caratterizzata da un insegnamento più stringato.

Educazione civica a scuola, il ritorno: cosa dice il ddl dedicato

Il disegno di legge che ha reintrodotto l’ora di educazione civica nelle scuole prevede 33 ore di insegnamento all’anno (minimo) e anche la presenza della materia in pagella, con tanto di relativo voto. Questo è quanto si legge nell’articolo 2 del ddl, comma 1: “A decorrere dal 1° settembre del primo anno scolastico successivo all’entrata in vigore della presente legge, nel primo e nel secondo ciclo di istruzione è istituito l’insegnamento trasversale dell’educazione civica, che sviluppa la conoscenza e la comprensione delle strutture e dei profili sociali, economici, giuridici, civici e ambientali della società. Iniziative di sensibilizzazione alla cittadinanza responsabile sono avviate dalla scuola dell’infanzia”.

Nel comma 5 si spiega che per ogni classe, tra i docenti a cui è affidato l’insegnamento della materia, è individuato “un docente con compiti di coordinamento”. Il comma successivo s’incentra invece sulle valutazioni periodiche e finali relative all’argomento, quindi al voto in pagella e all’introduzione della materia come oggetto d’esame finale.

Altrettanto importante il comma 8, in cui si afferma che non devono esserci “incrementi o modifiche dell’organico del personale scolastico, né ore d’insegnamento eccedenti rispetto all’orario obbligatorio previsto dagli ordinamenti vigenti”. Infine, “per lo svolgimento dei compiti di coordinamento […] non sono dovuti compensi, indennità, rimborsi di spese o altri emolumenti comunque denominati, salvo che la contrattazione d’istituto stabilisca diversamente con oneri a carico del fondo per il miglioramento dell’offerta formativa”.

Regionalizzazione delle scuole: cos’è, pro e contro. Ecco cosa comporta

Educazione civica a scuola: di cosa stiamo parlando

Le tematiche inerenti all’insegnamento e all’apprendimento dell’educazione civica sono le seguenti:

  • Costituzione, istituzioni dello Stato italiano, dell’Unione europea e degli organismi internazionali; storia della bandiera e dell’inno nazionale;
  • Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, adottata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 25 settembre 2015;
  • Educazione alla cittadinanza digitale;
  • Elementi fondamentali di diritto, con particolare riguardo al diritto del lavoro;
  • Educazione ambientale, sviluppo ecosostenibile e tutela del patrimonio ambientale, delle identità, delle produzioni e delle eccellenze territoriali e agroalimentari;
  • Educazione alla legalità e al contrasto delle mafie;
  • Educazione al rispetto e alla valorizzazione del patrimonio culturale e dei beni pubblici comuni;
  • Formazione di base in materia di protezione civile.

Per ulteriori informazioni e per consultare il disegno di legge integrale approvato in Senato, vi invitiamo a recarvi su questa pagina.

SEGUI IL NUOVO TERMOMETRO QUOTIDIANO A QUESTO LINK.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a [email protected]

Autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →