Birra, dove cresce di più la produzione e l’export in Europa – infografiche

Pubblicato il 8 Agosto 2019 alle 10:37
Aggiornato il: 10 Agosto 2019 alle 10:12
Autore: Gianni Balduzzi
Birra, dove cresce di più la produzione e l’export in Europa – infografiche

In Italia la crescita del consumo di birra è un fatto recente, non siamo mai stati grandi bevitori di birra, ma ora con il boom di quelle artigianali le cose sono cambiate. Altrove la birra ha sempre fatto parte della dieta quotidiana, e anzi negli ultimi tempi ha mostrato un po’ le corde.

Ma dove negli ultimi anni si sono verificate la maggiori variazioni nella produzione e nell’export della bevanda alcolica?

Lo vediamo nella nostra infografica che per ogni anno rende possibile scegliere appunto tra produzione ed esportazioni e vedere i dati per Paese.

Ebbene nel 2018 rispetto al 2017 in Italia si è prodotto il 14,2% in più di birra, è il secondo risultato migliore dopo quello francese. Nel 2017 il progresso era stato addirittura del 15,2%: il secondo maggiore, dopo la Lettonia.

Nel 2016 invece vi era stato un calo dell’8,4%, ma in molti anni la produzione italiana ha segnato crescite superiori alla media. Nel 2001, 2002, 2003, nel 2005 e 2006, nel 2010.

Soprattutto, quasi sempre l’aumento della produzione è stata maggiore di quella verificatasi in Germania, dove la birra vive un momento di stanchezza

Birra, dove vanno meglio le esportazioni – infografiche

Sono stati i Paesi dell’Est quelli che hanno messo a segno i migliori aumenti dell’export nel 2018, ma tra quelli occidentali con un +11,3% l’Italia è stata superata solo dalla Spagna.

Chiaramente i volumi sono diversissimi, ma qui vogliamo osservare le tendenze.

Il 2016 e il 2017 sono andati male, quanto il 2014 e 2015 sono invece andati bene con ottimi +15,8% e +21,9%.

Dati positivi anche tra 2009 e 2012.

La variabilità è enorme, con cali che seguono incrementi in doppia cifra. Dipende forse anche da volumi ancor ridotti rispetto ai giganti della birra, come la Germania o i Paesi Bassi, in cui le variazioni in positivo o negativo appaiono minori

PS: i -100% sono dovuti alla mancanza di dati

SEGUI IL TERMOMETRO SPORTIVO ANCHE SU FACEBOOKTWITTER E TELEGRAM

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a [email protected]

L'autore: Gianni Balduzzi

Editorialista di Termometro Politico, esperto e appassionato di economia, cattolico- liberale, da sempre appassionato di politica ma senza mai prenderla troppo seriamente. "Mai troppo zelo", diceva il grande Talleyrand. Su Twitter è @Iannis2003
Tutti gli articoli di Gianni Balduzzi →