10/08/2019

Ricalcolo pensioni 2019: cumulo contributi, i chiarimenti nella circolare Inps

autore: Guglielmo Sano
Ricalcolo pensioni 2019: cumulo contributi, i chiarimenti nella circolare Inps
Ricalcolo pensioni 2019: cumulo contributi, i chiarimenti nella circolare Inps

Una circolare dell’Inps diffusa ieri – 9 agosto 2019 – fornisce importanti precisazioni a proposito della riduzione dei trattamenti pensionistici superiori a 100mila euro annui.

Ricalcolo pensioni giugno 2019: “tagli fino al 40%”, parla Brambilla

Ricalcolo pensioni 2019: riduzione dei trattamenti superiori a 100mila euro

L’Inps aveva già comunicato la riduzione dei trattamenti pensionistici di importo superiore a 100mila euro all’anno con una circolare risalente a inizio maggio (circolare n.62 del 7 maggio 2019). L’Istituto, in quella occasione, aveva precisato l’applicazione di quanto disposto dai commi dal 261 al 268 dell’articolo 1 della legge n.145 del 2018.

Successivamente è intervenuto il Ministero del Lavoro che a proposito dell’applicazione del comma 261 dell’articolo 1 della suddetta norma ha voluto precisare che “le pensioni da totalizzazione o da cumulo, nelle quali sia presente anche un solo periodo contributivo a carico delle Casse professionali, devono ritenersi escluse dall’ambito applicativo della norma citata e non interessate dalla riduzione in parola”.

Sempre dal dicastero si è poi precisato che “Sono, invece, da ricomprendere nell’ambito di applicazione della norma tutti gli altri trattamenti pensionistici liquidati con gli istituti del cumulo e della totalizzazione nei quali non è presente contribuzione a carico delle Casse professionali”.

Ricalcolo pensioni 2019 sopra o sotto i 1500 euro, come funziona e tabella

Ricalcolo pensioni 2019: quali importi bisogna considerare?

Insomma, la riduzione deve riguardare esclusivamente quei trattamenti diretti “a carico del Fondo pensioni lavoratori dipendenti, delle Gestioni speciali dei lavoratori autonomi, delle forme sostitutive, esclusive ed esonerative dell’assicurazione generale obbligatoria e della Gestione separata”.

Per riepilogare, ai fini della determinazione dell’importo pensionistico complessivo superiore a 100mila euro lordi su base annua e dell’individuazione delle aliquote percentuali di riduzione da applicare, i trattamenti pensionistici liquidati con il cumulo dei periodi assicurativi: “non rilevano nei casi in cui sia presente contribuzione presso una o più Casse professionali, ancorché detta contribuzione sia stata valorizzata ai soli fini del diritto a pensione” e, al contrario, “rilevano nei casi in cui non sia presente contribuzione presso una o più Casse professionali, a prescindere dal sistema di calcolo adottato per la determinazione del pro quota di pensione a carico di ciascuna delle gestioni interessate al cumulo dei periodi assicurativi”.

SEGUI IL NUOVO TERMOMETRO QUOTIDIANO A QUESTO LINK.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a [email protected]tropolitico.it

Autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →