Pubblicato il 14/08/2019 Ultimo aggiornamento: 21 Agosto 2019 alle 16:16

Pensioni ultime notizie: sindacati preoccupati, “Serve vera riforma”

autore: Daniele Sforza
Pensioni ultime notizie: sindacati preoccupati, “Serve vera riforma”

Sulle pensioni ultime notizie riportano il comunicato congiunto di Cgil, Cisl e Uil che esprimono preoccupazione per la crisi di governo e richiedono a gran voce una vera riforma delle pensioni. Che pensi alle donne, alle nuove generazioni e anche ai lavoratori disagiati. È questa una delle numerose proposte messe in campo dalle principali sigle sindacali, al fine di fermare le tensioni del governo e mettere al centro della discussione i temi più cari al Paese.

Pensioni ultime notizie: Cgil, Cisl e Uil preoccupati, il comunicato

“Cgil, Cisl e Uil esprimono grande preoccupazione per l’attuale situazione di instabilità politica prodotta in pieno periodo feriale”, inizia la nota. Crisi che, “se non risolta rapidamente, può ulteriormente ridurre le condizioni per la crescita del Paese, aggravare la situazione economica e sociale di tutto il mondo del lavoro e dei pensionati, non far svolgere alcun ruolo al nostro Paese nella costruzione di una nuova Europa sociale”.

I sindacati richiamano le forze in gioco alla serietà e al pieno rispetto dei principi e dei valori. “La soluzione della crisi compete al Parlamento che, dopo un dibattito ampio, libero e trasparente deve votare o sfiduciare il governo, e al Presidente della Repubblica, garante della Costituzione, cui va tutta la nostra stima e il sostegno incondizionato anche nella verifica di una reale possibilità di dare un nuovo governo al Paese”.

Quota 100 a rischio “per colpa di Salvini”

Pensioni ultime notizie: “Serve vera riforma”, tutti i punti su cui discutere

Le sigle proseguono auspicando che le forze politiche parlamentari mettano da parte gli interessi personali per porre al centro “gli interessi generali del Paese e del mondo del lavoro”. Il traguardo è la prossima Legge di Stabilità, alla vigilia della quale i sindacati chiedono di essere parte in causa del confronto sui temi. Questi i punti principali sui quali discutere proposti da Cgil, Cisl e Uil.

  • Un piano straordinario di investimenti pubblici in infrastrutture, reti, manutenzione del territorio, a partire dal Mezzogiorno, con un chiaro sostegno a una nuova economia verde e che il tutto sia scomputato dai vincoli del patto di stabilità;
  • Una riforma fiscale fondata sul principio della progressività che riduca le tasse al lavoro dipendente e ai pensionati;
  • Una vera lotta all’evasione fiscale e al lavoro nero;
  • Il rinnovo dei contratti nazionali pubblici e privati e il riconoscimento del loro valore erga omnes, la detassazione degli aumenti salariali e il superamento dei contratti pirata;
  • Riforma della pubblica amministrazione e assunzione di personale in tutti i comparti pubblici a partire dalla sanità;
  • Una nuova politica industriale che indirizzi i processi di innovazione, di crescita dimensionale delle imprese, garantisca il diritto permanente alla formazione e metta al centro la salute e la sicurezza sul lavoro;
  • Una nuova politica della cultura e del turismo asse di crescita per un paese quale l’Italia;
  • Una vera riforma delle pensioni che dia un futuro ai giovani, risponda ai bisogni delle donne e riconosca i lavori più disagiati.

Autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →