14/08/2019

Panino da casa nelle mense scolastiche: arriva il no della Cassazione

autore: Claudio Garau
Panino da casa nelle mense scolastiche: arriva in no della Cassazione
Panino da casa nelle mense scolastiche: arriva il no della Cassazione

Recentemente, la Corte di Cassazione si è pronunciata un caso molto discusso ultimamente a livello di opinione pubblica. Si tratta di un iter iniziato nel 2014, una vera e propria battaglia giudiziaria, frutto un’iniziativa di un comitato di genitori torinesi, i quali chiedevano che i figli potessero consumare nei locali scolastici ovvero nella mensa scolastica, il panino portato da casa. Vediamo allora che cosa ha deciso la Suprema Corte su questa vicenda.

Se ti interessa saperne di più sul pignoramento della pensione e le parole di monito della Cassazione, clicca qui.

Panino da casa: la vicenda e cosa ha stabilito la Cassazione

La corte di Appello di Torino, in secondo grado, aveva dato ragione ai genitori, ammettendo cioè la possibilità di portare il panino da casa e di mettere, quindi, cibo ed altri alimenti nello zaino, per poi consumarli a scuola, al posto del cibo offerto dalla mensa. Contro questa sentenza, il ricorso in Cassazione del Comune di Torino e del Miur.

Alcune dichiarazioni della sindaca di Torino, in merito a questa vicenda, hanno inteso dare rilevanza all’attività di mensa scolastica, in quanto espressione, anch’essa, di un servizio educativo, pedagogico e sociale. Il cibo, ha poi aggiunto, resta un momento formativo fondamentale, che non è in alcun modo scollegato da ciò che avviene in aula.

Se ti interessa saperne di più sulla rinuncia al TFR e cosa dice la Cassazione in proposito, clicca qui.

La Corte di Cassazione è però stata chiara e risolutrice della questione del panino da casa, nella sua recente pronuncia. Ha infatti stabilito che: “un diritto soggettivo perfetto ed incondizionato all’autorefezione individuale, nell’orario della mensa e nei locali scolastici, non è configurabile“. Insomma i genitori non possono decidere autonomamente, circa l’alimentazione del figlio che si trovi a scuola. A seguito di questa sentenza, il Comune di Torino ha però chiarito i possibili scenari futuri, ammettendo il diritto dei genitori di partecipare al procedimento amministrativo di scelta dell’impresa fornitrice e dei cibi da inserire in menu’.

In conclusione, riportiamo le parole, decisive ed assai chiare, della Cassazione: “L’istituzione scolastica non è un luogo dove si esercitano liberamente i diritti individuali degli alunni, né il rapporto con l’utenza è connotato in termini meramente negoziali”, ma piuttosto “è un luogo dove lo sviluppo della personalità dei singoli alunni e la valorizzazione delle diversità individuali devono realizzarsi nei limiti di compatibilità con gli interessi degli altri alunni e della comunità, come interpretati dell’istituzione scolastica mediante regole di comportamento cogenti, tenendo conto dell’adempimento dei doveri cui gli alunni sono tenuti, di reciproco rispetto, di condivisione e tolleranza“.

SEGUI IL NUOVO TERMOMETRO QUOTIDIANO A QUESTO LINK.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a [email protected]

Autore: Claudio Garau

Laureato in Legge presso l'Università degli Studi di Genova e esperto di tematiche giuridiche legate all'attualità. Cura l'area Diritto per Termometro Politico.
    Tutti gli articoli di Claudio Garau →