Pubblicato il 14/08/2019 Ultimo aggiornamento: 22 Agosto 2019 alle 11:55

Truffa FaceApp Pro gratis: come non farsi ingannare

autore: Daniele Sforza
Truffa FaceApp Pro gratis: come non farsi ingannare

Basta un’app di successo ed ecco che scatta la truffa. L’applicazione in questione è FaceApp, il programma che “invecchia” con un semplice selfie e che ha pazzamente dilagato nelle scorse settimane (e anche adesso continua a far discutere). In giro infatti circola la voce dell’esistenza di FaceApp Pro gratuita: più precisamente di un’app con questo nome disponibile gratuitamente e pronta a essere scaricata. L’occasione è parsa ghiotta ai “fan dell’invecchiamento virtuale”, ma dietro il download si nasconde qualcosa di illecito. Andiamo a vedere come funziona questa nuova truffa.

Truffa FaceApp Pro gratis: come funziona

A fare da esca falsi siti web e video tutorial altrettanto fittizi con il solo scopo di invogliare gli utenti malcapitati a cliccare su questo o quel link, al fine di scaricare applicazioni o attivare abbonamenti a pagamento. L’utente che magari cliccava per sbaglio sulla richiesta di autorizzazione delle notifiche, si ritrovava abbonato a servizi che ogni tanto proponevano offerte fasulle e, ovviamente, a pagamento.

FaceApp, come buona parte delle applicazioni messe in circolazione, consta di due fasi: una gratuita, quella base, l’altra a pagamento, con contenuti e funzioni che nella prima versione ovviamente non sono utilizzabili. FaceApp ha avuto un successo straordinario sin dal suo lancio ed è stato proprio su questo che gli hacker hanno puntato per adescare numerose vittime. Come riporta Il Fatto Quotidiano, citando i tipi di WeLiveSecurity, i video-esca su YouTube hanno totalizzato oltre 150 mila visualizzazioni, mentre i click sui link nella descrizione dei video hanno superato le 96 mila volte.

Truffe: pacco perso via sms, cosa non bisogna fare

Come non cadere in questo tipo di truffe

Come gli esperti in sicurezza ripetono da ormai molto tempo, per evitare di cadere in questo tipo di truffe, che possono mirare al furto di soldi o di dati sensibili, bisogna scaricare le app (ufficiali) solo dagli store autorizzati. Inoltre, prima di procedere al download, è preferibile conoscere il più possibile informazioni sull’applicazione, sul suo sviluppatore, sulle recensioni (ma attenti ai feedback falsi) e su cosa dicono i commenti costruttivi.

Altro aspetto da considerare, a proposito della truffa su FaceApp Pro, è che la versione Premium o Professional di un’app o di un qualsiasi altro software non è mai gratuita, a meno che non sia autorizzata dalla casa madre per un periodo di tempo molto limitato.

Autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →