Pubblicato il 28/08/2019 Ultimo aggiornamento: 5 Settembre 2019 alle 13:38

Mutuo casa cento per cento: a chi spetta e come richiederlo

autore: Daniele Sforza
Mutuo casa cento per cento: a chi spetta e come richiederlo

Si può accendere veramente un mutuo casa cento per cento? Ovvero un finanziamento che copra interamente le spese dell’immobile da acquistare? Con la crisi in atto e i risparmi che languono, sempre più cittadini con poche risorse e che hanno intenzione di acquistare una casa, cercano soluzioni alternative al mutuo (solitamente le banche lo concedono massimo per l’80% del valore dell’immobile) e tra queste spicca per l’appunto la richiesta di un mutuo 100%. Soluzione che però non tutti gli istituti bancari accettano di buon grado e anche quelli che acconsentono richiedono delle garanzie precise. Ma a oggi è davvero possibile chiedere un mutuo 100%? Andiamo a scoprire le opzioni disponibili.

Mutuo casa 100%: l’importo finanziabile

La soluzione si chiama Fondo di Garanzia Mutui Prima Casa della Consap. Grazie a questo fondo, alcuni cittadini in possesso di determinati requisiti, hanno la possibilità di richiedere un mutuo al 100% per l’acquisto della prima casa. Il Fondo rappresenta per le banche la garanzia richieste ed essendo una garanzia statale è sicura al 100%, pertanto è facile accedere a questo tipo di mutuo agevolato. Il Fondo interviene per l’acquisto della prima casa vero e proprio e anche per gli interventi di restauro o ristrutturazione finalizzati all’efficientamento energetico (ma sempre correlati all’acquisto della prima casa). L’importo che il Fondo eroga può arrivare fino al 50% della quota capitale.

Mutui a tasso negativo: cosa sono, come funzionano e dove si possono aprire

Mutuo casa 100%: chi può richiederlo, i requisiti

Come abbiamo scritto in precedenza, per poter accedere a questo tipo di mutuo e far sì che il Fondo citato faccia da garante, occorre essere in possesso di determinati requisiti. Il mutuo finanziato interamente è erogato prioritariamente alle giovani coppie nelle quali uno dei due coniugi non abbia più di 35 anni, ma anche ai nuclei familiari con un solo genitore che ha minori a carico, agli under 25 che fanno lavori atipici e a chi vive nelle case popolari. Riassumendo, tutti possono richiedere un mutuo 100%, ma nella gerarchia delle priorità i soggetti sopraccitati avranno una corsia preferenziale. Il soggetto che si rivolge alla Consap non dovrà essere il proprietario di altri immobili: fanno però eccezione quelli ricevuti in eredità o concessi a titolo gratuito da un familiare stretto. Ovviamente la prima casa per la quale si richiede l’accensione del mutuo deve trovarsi in Italia e non appartenere alle categorie catastali A1 (signorile), A8 (ville) e A9 (castelli, palazzi di eminenti pregi artistico o storici). Inoltre il mutuo al 100% si può ottenere solo nel momento in cui l’importo dello stesso non supera i 250 mila euro di valore.

Quali banche aderiscono?

Per sapere quali banche aderiscono all’iniziativa e al circuito del Consap, vi invitiamo a cliccare su questa pagina e quindi sul relativo pdf scaricabile.

SEGUI IL NUOVO TERMOMETRO QUOTIDIANO A QUESTO LINK.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a [email protected]

Autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →