Pubblicato il 05/09/2019 Ultimo aggiornamento: 6 Settembre 2019 alle 20:30

Chi è Roberto Speranza: carriera e biografia del nuovo ministro della salute

autore: Gianni Balduzzi
Chi è Roberto Speranza: carriera e biografia del nuovo ministro della salute

È forse tra i nomi meno attesi nella compagine del nuovo governo. Non era entrato se non di sfuggita nel carosello del toto-ministri degli ultimi giorni. Per Liberi e Uguali si era fatto più spesso il nome di Muroni o Grasso.

Eppure Roberto Speranza non è certo una new entry della politica, in cui è protagonista, a sinistra, da alcuni anni.

40enne, di Potenza come la neo-ministra agli Interni Lamorgese, ha però anche origini inglesi, che forse hanno contribuito al caratteristico aplomb che gli è sempre stato riconosciuto dai compagni di partito. E su cui però potrebbe avere influito anche il vecchio ministro Colombo, uno dei suoi mentori, anch’egli potentino.

Dopo il liceo scientifico nella sua città Speranza si laurea in Scienze Politiche alla Luiss. Lì è conosciuto per le sue simpatie per il laburismo inglese, che lo portano naturalmente nei DS.

Per i Democratici di Sinistra è eletto a 25 anni consigliere comunale a Potenza, dove tra il 2009 il 2010 è anche assessore all’Urbanistica.

Sempre nel 2009 il decollo, con l’elezione a segretario PD lucano.

roberto speranza

Roberto Speranza, da bersaniano di ferro alla rottura con Renzi

È in questa veste che viene candidato ed eletto alle politiche del 2013, dopo avere appoggiato Bersani come candidato premier del centrosinistra alle primarie del 2012.

La vicinanza a Bersani gli vale la nomina a capogruppo PD nello stesso 2013, ma nel frattempo tutto cambia. C’è l’ascesa di Renzi, dopo poco l’ex sindaco di Firenze prende il posto di Letta a Palazzo Chigi. Tra Renzi e Spernaza non c’è alcuna sintonia politica.

Comincia una convivenza che all’inizio pare anche possibile, ma la scintilla è l’Italicum. Quando il governo Renzi chiede la fiducia, nell’aprile 2015, per Speranza è troppo, e rimette il proprio incarico.

L’allontanamento prosegue fino alla scissione del 2017, quando assieme a Bersani, D’Alema e altri dà vita ad Articolo 1, di cui è prima coordinatore e nel 2019 segretario.

Ieri la nomina a ministro della Salute.

SEGUI IL NUOVO TERMOMETRO QUOTIDIANO A QUESTO LINK.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a [email protected]

Autore: Gianni Balduzzi

Editorialista di Termometro Politico, esperto e appassionato di economia, cattolico- liberale, da sempre appassionato di politica ma senza mai prenderla troppo seriamente. "Mai troppo zelo", diceva il grande Talleyrand. Su Twitter è @Iannis2003
Tutti gli articoli di Gianni Balduzzi →