Pubblicato il 02/10/2019 Ultimo aggiornamento: 3 Ottobre 2019 alle 17:32

Pensioni ultime notizie: Quota 100 e Def, Barbagallo “c’è delusione”

autore: Daniele Sforza
Pensioni ultime notizie: Quota 100 e Def, Barbagallo “c’è delusione”

Pensioni ultime notizie: importanti dichiarazioni del segretario generale della Uil Carmelo Barbagallo a proposito della Nota di aggiornamento del Def che è stata approvata nelle ultime ore dal governo. Le questioni principali toccate dal sindacalista riguardano ovviamente le pensioni: la mancata soddisfazione generale viene compensata in parte da alcuni punti chiave interessanti, tra cui la proroga di Ape Social e Opzione Donna.

Pensioni ultime notizie: il punto di Barbagallo sulla NaDef

Tramite un comunicato diffuso dalla Uil, Carmelo Barbagallo si è dimostrato poco soddisfatto dalla Nota di aggiornamento del Def approvata dal governo, pur ammettendo di dover valutare nel dettaglio i testi e i numeri presenti prima di compiere un giudizio compiuto. Le sue dichiarazioni, dunque, vertono solo su una prima impressione, secondo la quale “il documento in questione risponde solo in minima parte all’esigenza di promuovere lo sviluppo e la crescita della nostra economia”. Ciò che preoccupa maggiormente il sindacato è la “totale assenza sia del taglio delle tasse ai pensionati sia un riferimento al rinnovo dei contratti pubblici”. Barbagallo ricorda che negli ultimi anni i pensionati hanno subito il blocco della rivalutazione pensioni e non si registra ancora oggi un segnale di inversione di tendenza per i cittadini direttamente interessati, trattati spesso come “bancomat del Paese” nonché da “ammortizzatori sociali delle famiglie”. Timidi, inoltre, sono stati giudicati i segnali nella lotta all’evasione fiscale, così come insufficiente è ritenuto il taglio delle tasse ai lavoratori dipendenti. Nessuna nota invece sul rinnovo dei contratti pubblici, che ricordiamo essere scaduti a dicembre 2018.

I punti interessanti del Def secondo Barbagallo

Nonostante i punti oscuri, ci sono anche alcuni elementi chiave che sottolinea Barbagallo, tra cui il rilancio dell’immagine della Pubblica Amministrazione, che possa porre fine alla “criminalizzazione dei pubblici dipendenti”. Altri aspetti positivi riguardano il comparto istruzione e ricerca. Al tempo stesso, interessante è il punto sulla ripresa degli investimenti pubblici, con l’intenzione di dare un freno ai tagli alla sanità. Sotto l’aspetto previdenziale, positiva è stata giudicata la proroga di Ape social e Opzione Donna. Nessun riferimento invece a Quota 100, che per il 2020 dovrebbe restare così com’è.

Barbagallo punta il dito contro gli elementi in chiaroscuro e, in qualità di rappresentante della Uil, “chiede al Governo, in vista della definizione della Legge di Bilancio, un cambio di passo più deciso”, al fine di “determinare una reale ripresa dell’economia, che parta dalla vera ripresa del potere d’acquisto dei lavoratori e dei pensionati”. Ciò, anche alla luce delle non molto incoraggianti stime diffuse su una presumibile crescita zero del Pil nel 2019.

Autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →