Pubblicato il 02/10/2019

Concorso scuola 2020 per 24 mila precari. Accordo Miur-Sindacati

autore: Guglielmo Sano
Concorso scuola 2020 per 24 mila precari. Accordo Miur-Sindacati
Concorso scuola 2020 per 24 mila precari. Accordo Miur-Sindacati

Concorso Scuola 2020: Miur e sindacati (Cgil, Cisl, Uil, Snals e Gilda) hanno trovato l’intesa. In arrivo un decreto legge per indire una selezione riservata a 24mila precari più un’altra aperta a tutti.

Concorso scuola: assunzione per 50mila docenti

È stato lo stesso ministro Fioramonti a spiegare come “al termine di una lunga e complessa trattativa” sia finalmente stato trovato un accordo tra Miur e sindacati sull’assunzione di 50mila docenti. Grazie a un apposito decreto, innanzitutto, verrà bandito un concorso per 24mila docenti della scuola secondaria di primo e secondo grado: questa selezione sarà riservata a coloro che hanno almeno 3 anni di anzianità, compresi quelli svolti su posti di sostegno, di cui almeno uno nella classe di concorso per la quale concorrono.

Come funzionerà il concorso per i precari

Per superare il concorso, successivamente a una valutazione dei titoli (conterà soprattutto l’anzianità), basterà ottenere un punteggio di sette decimi in una prova scritta computer based, cioè svolta al pc: potrebbe svolgersi già in autunno. Dunque, i vincitori saranno immessi in ruolo già a partire da settembre 2020 (le graduatorie dovrebbero essere pubblicate già a inizio nuovo anno). Dopo un primo anno di prova i vincitori del concorso dovranno comunque svolgere una prova orale e una simulazione di lezione frontale davanti a una commissione, tuttavia, sembra già adesso più che altro una formalità.

Tutti coloro che non passeranno la prova, in pratica coloro non rientreranno nei primi 24mila posti in graduatoria ma raggiungeranno in ogni caso l’idoneità, conseguiranno un’abilitazione al termine di un percorso universitario appositamente predisposto: chiaramente costituirà un titolo preferenziale al fine di ottenere supplenze.

Iliad, Ho e Tre: offerte mobile internet e minuti a ottobre 2019

In arrivo, ma più avanti, un concorso ordinario

In parallelo alla selezione straordinaria per i precari dovrebbe esserne indetto anche un concorso ordinario con in palio più o meno lo stesso numero di posti. Le tempistiche però dovrebbero essere un po’ più lunghe: per quello che si può capire non verrà indetto prima dell’immissione in ruolo dei vincitori del concorso straordinario, insomma, non prima di settembre 2020.

Autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →