Pubblicato il 08/10/2019 Ultimo aggiornamento: 9 Ottobre 2019 alle 23:26

Assunzioni Forze Armate 2019-2020: Conte conferma i 12 mila posti

autore: Daniele Sforza
Assunzioni Forze Armate 2019-2020
Assunzioni Forze Armate 2019-2020: Conte conferma i 12 mila posti

Buone notizie per chi vuole entrare nelle Forze Armate: assunzioni vista, come confermato di recente dal premier Giuseppe Conte, che ha anche parlato di numeri, citando 12 mila posti disponibili a breve. L’obiettivo del governo, infatti, è quello di rafforzare la sicurezza, in particolar modo in quelle aree del Paese dove la criminalità organizzata si fa più sentire.

Assunzioni Forze Armate 2019-2020: cos’ha detto il premier Conte

Intervistato dal Corriere del Mezzogiorno, Giuseppe Conte ha affermato che “la sicurezza dei cittadini, soprattutto nelle aree del Paese più esposte alla criminalità organizzata, è al centro dell’agenda politica del governo”. Poi si citano numeri e si annunciano nuove assunzioni. “I fatti parlano chiaro: abbiamo sbloccato 12 mila nuovi posti nelle forze dell’ordine. Questo dimostra, inoltre, l’attenzione alle esigenze delle donne e degli uomini che garantiscono ogni giorno la nostra sicurezza”.

Assunzioni ottobre 2019: Ferrovie, Ryanair e Amazon. Le offerte

Assunzioni Forze Armate: Conte, “Contrastare il degrado urbano”

Conte ha però aggiunto che questo da solo non può bastare e bisogna agire sulle politiche di prevenzione. “Contrastare fortemente il degrado urbano, favorire l’inserimento scolastico delle fasce più deboli della popolazione e puntare sulla formazione diretta al lavoro. In tal senso, la sigla del Contratto istituzionale di sviluppo della Capitanata è un esempio concreto di rilancio occupazionale del territorio. E proprio sul Cis, siamo al lavoro per rafforzare le garanzie affinché i progetti si realizzino all’interno di una solida cornice di legalità”.

Conte ha quindi spiegato che lo Stato deve fare il massimo per contrastare i tentativi di qualsiasi forma di organizzazione criminale che abbia intenzione di radicarsi sul territorio non solo tramite il presidio delle forze dell’ordine, che avranno pertanto risorse aggiuntive a partire dal prossimo anno, ma anche attraverso l’intensificazione dell’analisi e dell’attività investigativa.

Autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →