Bollo auto 2020: controllo con nuovi tutor autostradali, cosa è previsto?

Pubblicato il 30 Ottobre 2019 alle 08:52
Aggiornato il: 2 Novembre 2019 alle 08:49
Autore: Daniele Sforza
Bollo auto 2020 controlli con nuovi tutor autostradali

Bollo auto 2020 sotto controllo da parte dei tutor autostradali? Sulla questione c’è una informazione un po’ confusionaria e contraddittoria, pertanto non ci resta che mettere un po’ d’ordine e controllare la veridicità delle informazioni. Partendo da cosa sono i nuovi tutor autostradali e quali sono le loro principali funzioni. E se tra queste spicca anche il monitoraggio dei pagamenti in regola relativi all’assicurazione e al bollo auto.

Bollo auto 2020: nuovi tutor autostradali, cosa sono e come funzionano

Era la fine del mese di luglio 2018 quando sulle autostrade italiane sono stati attivati i nuovi tutor SICVe-PM, acronimo che sta per Sistema Informativo per il Controllo della Velocità – Plate Matching. Questi dispositivi hanno sostituito le vecchie apparecchiature poiché su queste vi erano problematiche legali relative a dei brevetti e a delle tecnologie rivendicate da un’azienda a cui poi la giustizia ha dato ragione. Da qui è venuta fuori la necessità di sostituire i vecchi tutor con quelli nuovi, caratterizzati da una nuova tecnologia di monitoraggio ideata da Autostrade Tech. La gestione di tali tutor e della relativa tecnologia è stata poi affidata alla Polizia Stradale.

Il compito di questo tutor SICVe-PM è quello di controllare il flusso del traffico da stazioni periferiche la cui installazione avviene in determinati tratti del punto autostradale. I sensori rilevano il flusso del traffico ma anche la velocità (sia istantanea sia media) dei veicoli. Nel caso in cui un automobilista commetta infrazione, superando (in media o nell’immediato) i limiti di velocità, il tutor segnala la sua targa e invia i dati al centro di controllo per ulteriori verifiche. In caso di accertamento della violazione, l’automobilista riceverà al proprio domicilio la sanzione prevista.

Condono decennale bollo: cosa succede per i prossimi anni?

I tutor SICVe-PM controllano la regolarità dei pagamenti?

Bollo auto 2020 – Spesso si è parlato di come i nuovi tutor potessero anche consentire di effettuare controlli più intensi sul veicolo e sull’automobilista, come ad esempio verificare la regolarità dei pagamenti con l’assicurazione e soprattutto il bollo auto. Tuttavia, tali notizie, spesso ripetute nel corso dell’ultimo anno, sono completamente false. Il compito dei tutor è quello di controllare la velocità e il flusso del traffico, non certo quello di fare una diapositiva a raggi X della macchina per capire cosa è stato pagato (e cosa è in regola) e cosa no. Insomma, per il momento gli attuali tutor non possono avvalersi di una funzione simile: forse lo faranno in futuro, ma adesso una tale funzionalità è esclusa.

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →