Sondaggi politici Euromedia: Ghisleri “persone arrabbiate per micro-tasse”

Pubblicato il 7 Novembre 2019 alle 09:59
Aggiornato il: 8 Novembre 2019 alle 16:14
Autore: Daniele Sforza
Sondaggi politici Euromedia: Ghisleri micro-tasse
Sondaggi politici Euromedia: Ghisleri “persone arrabbiate per micro-tasse”

Ospite alla trasmissione Tagadà su La7, la direttrice dell’istituto specializzato in sondaggi politici Euromedia Research, Alessandra Ghisleri, ha toccato diversi temi, tra cui quelli che riguardano in particolare gli umori degli elettori nei confronti degli interventi inclusi nella Manovra 2020, come ad esempio le micro-tasse. Stando a quanto riporta la Ghisleri, infatti, le ultime rilevazioni sono state poste sulla base dei timori delle persone per le micro-tasse.

Sondaggi politici Euromedia: cresce area dell’astensione

L’area dell’astensione è cresciuta, perché guardano con attenzione quello che potrebbe capitare”, ha affermato Ghisleri. “La comunicazione sugli interventi della Manovra non è stata particolarmente esaustiva. Quindi, la maggior parte delle persone, stando alle rilevazioni che vengono fatte, teme che queste cosiddette micro-tasse possano avere ripercussioni negative e di grande impatto sulla vita familiare quotidiana”.

Naturalmente questa impressione, dovuta a una comunicazione carente, non ha certamente favorito i partiti che si trovano nell’area di governo.

Sondaggio Ipsos: maggioranza italiani favorevole alla plastic tax

“All’estero c’è la speranza di guadagnare di più”

La Ghisleri ha anche fatto un’analisi del cittadino italiano di oggi, quello che si reca alle urne e quello che parte all’estero in cerca di migliori fortune. “Non si ha l’idea di un Paese che vuole continuare a crescere. Il cittadino capisce che non è tutelato, è da solo di fronte a questo immenso mondo del lavoro che lo tiene lontano da tutto quello che dovrebbe essere un suo diritto, come l’accesso al lavoro e ai servizi”. È un problema interno al sistema Paese, quasi in sosta forzata, col freno tirato chissà ancora per quanto. E allora cosa fa il cittadino, elettore medio? “Vota quei partiti che sono più semplici perché sono più vicini a lui”, rivela la direttrice di Euromedia. “I cittadini non hanno l’anello al naso: se in tempi passati andavano con la valigia di cartone, in quella valigia oggi hanno il cuore, la speranza, ma anche la sicurezza che all’estero guadagnano di più, poter mettere da parte dei soldi per poter guadagnare il futuro”.

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →