Sondaggi elettorali, un confronto: i minority report degli istituti al 11 novembre 2019

Pubblicato il 11 Novembre 2019 alle 11:20
Aggiornato il: 12 Novembre 2019 alle 21:04
Autore: Gianni Balduzzi
Sondaggi elettorali, un confronto: i minority report degli istituti al 14 gennaio 2019
Sondaggi elettorali, un confronto: i minority report degli istituti al 11 novembre 2019

Diamo puntualmente conto dei sondaggi elettorali che ogni settimana i vari istituti producono. Lo facciamo confrontando le tendenze ed i numeri dei singoli studi. Così ognuno può verificare il valore dei partiti osservando come cambia la percentuale da un sondaggio all’altro.

In questa rubrica però, come ogni settimana, cerchiamo di tracciare l’andamento dei sondaggi elettorali che si distaccano dagli altri per vedere successivamente chi ci ha visto giusto e anche per cercare di comprendere quali istituti fiutano, prima degli altri, i cambiamenti di umore dell’elettorato.

Sondaggi elettorali, è il TP a vedere la Lega più forte

Siamo sempre noi del Termometro a stimare la Lega più in alto di tutti, al 35,9%. Anche se forse la palma di minority report più rilevante spetta a Piepoli, che mette il partito di Salvini solo al 31%, molto più in basso della media e di quanto fanno gli altri partiti.

La grande forbice nei sondaggi elettorali intorno alla Lega dice molto di quanto l’opinione pubblica sia liquida.

Sondaggi elettorali, Sondaggio Termometro Politico del 08 novembre 2019
Fonte: Termometro Politico

Rimanendo nel centrodestra ci sono meno discordanze tra gli istituti, soprattutto nei confronti di Fratelli d’Italia, che per Emg arriva al 10%, un punto in più rispetto alla media dei sondaggi.

Intorno a Forza Italia invece vi sono più oscillazioni. Si va dal 5,9% di Termometro Politico all’8,2% di Tecnè

I minority report sui partiti di governo

Sul PD vi è un importante minority report di Swg, che vede il partito di Zingaretti al 17,5%, molto più in basso anche del livello delle politiche del 2018, mentre per Ixè è oltre il 20%

sondaggi elettorali
Fonte: La7

Per una volta il Movimento 5 Stelle oscilla quanto il PD, non di più, tra il 15,9% stimato da Termometro Politico ed il 18,5% di Piepoli. In generale il declino del consenso verso il partito di Di Maio è un dato di fatto rilevato da tutti.

Il partito su cui invece c’è più discordanza tra i sondaggi elettorali, in proporzione alle sue dimensioni, è Italia Viva. La spiegazione potrebbe essere ricercata nel fatto che si tratti di una formazione politica nata da pochissimo tempo. Si va dal 3,9% di Ixè al 6% di Swg

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Gianni Balduzzi

Editorialista di Termometro Politico, esperto e appassionato di economia, cattolico- liberale, da sempre appassionato di politica ma senza mai prenderla troppo seriamente. "Mai troppo zelo", diceva il grande Talleyrand. Su Twitter è @Iannis2003
Tutti gli articoli di Gianni Balduzzi →