Sondaggi elettorali Euromedia: l’opinione degli italiani sul destino dell’ex Ilva

Pubblicato il 13 Novembre 2019 alle 16:22 Autore: Andrea Turco
sondaggi elettorali euromedia, ilva
Sondaggi elettorali Euromedia: l’opinione degli italiani sul destino dell’ex Ilva

L’ex Ilva e le altre crisi aziendali sul tavolo del governo sono state al centro degli ultimi sondaggi elettorali realizzati da Euromedia per Porta a Porta. Iniziamo dall’acciaieria di Taranto. Agli intervistati, Euromedia ha chiesto qual è la soluzione migliore per l’ex Ilva. Per il 23,3% andrebbe chiusa e dopo risanata l’area per avviare nuove soluzioni, per il 21,2% serve lo scudo penale per rilanciare l’azienda accettando in questo modo gli esuberi paventati da Arcelor-Mittal, il 20,2% chiede di far causa all’azienda come detto da Conte mentre al 18% non dispiacerebbe una nazionalizzazione con i soldi di Cassa depositi e prestiti.

“È interessante notare come ci sia una confusione di massima sull’argomento che disperde tutto il dato – spiega Alessandra Ghisleri, direttrice di Euromedia – Ognuno pensa di dare la soluzione corretta ma come vediamo alla fine la torta si divide in quattro quarti uguali. La maggioranza dei cittadini di Taranto è d’accordo con la prima opzione. Per quanto riguarda i partiti, la maggioranza degli elettori Pd è per la chiusura e il risanamento dell’area mentre l’elettorato di centrodestra spinge per il ripristino dello scudo penale. I simpatizzanti del Movimento, invece, sono d’accordo con quanto detto da Conte”.

sondaggi elettorali euromedia, ilva
Fonte: Euromedia

L’ex Ilva è però solo l’ultima questione aziendale finita sul tavolo del governo. Basta citare Whirlpool a Napoli o lo stabilimento di Pernigotti a Novi Ligure. Ma quali sono le cause di queste crisi aziendali? Euromedia ha girato la domanda agli italiani. Il 29,4% indica la delocalizzazione tra le cause principali. Segue la gestione negativa aziendale (23,5%), la poca competenza degli ultimi ministri che si sono susseguiti al Mise (15,7%), la mancanza di rispetto dei patti da parte delle multinazionali (14,4%) e infine l’azione miope dei sindacati italiani (8,1%).

“La delocalizzazione – analizza Ghisleri – è considerata la prima causa dalla maggioranza dell’elettorato di centrodestra, Pd e Movimento 5 Stelle. Una parte degli elettori di centrosinistra punta il dito contro le aziende che non rispettano gli accordi. Il dato interessante è però un altro – aggiunge Ghisleri – Negli ultimi dieci anni è cambiato l’approccio degli italiani a queste tematiche. Ad esempio nel 2008/2009, il 60% vedeva di buon occhio la nazionalizzazione di Alitalia. Ora questa idea piace a pochi. L’italianità ormai non viene più considerata una garanzia ma un timore, visti i precedenti poco entusiasmanti”.

sondaggi elettorali euromedia, crisi aziendali
Fonte: Euromedia

I sondaggi elettorali di Euromedia si dedicano anche alla manovra in discussione in Parlamento. Secondo la rilevazione, la finanziaria piace solo al 24,7% degli italiani mentre viene bocciata dal 50,9%. I giudizi negativi, spiega Ghisleri, sono dati soprattutto da tutte le micro tasse inserite in manovra che “vengono lette come accise che hanno un impatto quotidiano sulla nostra vita”.

sondaggi elettorali euromedia, manovra
Fonte: Euromedia

I sondaggi elettorali di Euromedia si chiudono con le intenzioni di voto nazionali. L’istituto diretto da Ghisleri segnala un Movimento 5 Stelle in caduta libera al 15,8% con 2,5 punti persi rispetto alla precedente rilevazione. Anche il Pd viene dato in calo al 18,1%. Italia Viva sfiora il 6% mentre LeU flette dello 0,2 all’1,9%. In totale, la coalizione giallo rossa raccoglie il 41,6% dei consensi.

Nel centrodestra, sia Lega che Fratelli d’Italia crescono attestandosi rispettivamente al 33 e al 9,3%. Più distaccata Forza Italia data al 6,8% mentre Cambiamo! ha percentuali quasi irrilevanti. In totale, l’area ottiene quasi il 50% dei consensi. Gli altri partiti sono tutti sotto il 2%.

sondaggi elettorali euromedia, giallo rosso
Fonte: Euromedia
sondaggi elettorali euromedia, centrodestra
Fonte: Euromedia
sondaggi elettorali euromedia, partiti piccoli
Fonte: Euromedia

Sondaggi elettorali Euromedia: nota metodologica

Data o periodo in cui è stato realizzato il sondaggio: 11 novembre. Campione casuale nazionale rappresentativo della popolazione italiana maggiorenne secondo genere, età, livello di scolarità, area geografica di residenza, dimensione del comune di residenza. Consistenza numerica campione: (800 interviste): 800 intervistati (interviste valide) – numero dei non rispondenti/rifiuti all’intervista: 1.202 – totale contatti effettuati: 2.002. Il margine di errore relativo ai risultati del sondaggio (livello di rappresentatività del campione del 95%) è +/- 3.5% per i valori percentuali relativi al totale degli intervistati (800 casi). Metodo raccolta informazioni: Interviste telefoniche – metodologia C.A.T.I.-C.A.M.I.

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Andrea Turco

Classe 1986, dopo alcune esperienze presso le redazioni di Radio Italia, Libero Quotidiano e OmniMilano approda a Termometro Politico.. Dal gennaio 2014 collabora con il portale d'informazione Smartweek. Su Twitter è @andreaturcomi
Tutti gli articoli di Andrea Turco →