Sondaggi elettorali Euromedia: italiani bocciano il tetto al contante

Pubblicato il 18 Ottobre 2019 alle 16:21
Aggiornato il: 21 Ottobre 2019 alle 20:19
Autore: Andrea Turco
sondaggi elettorali euromedia, evasione fiscale
Sondaggi elettorali Euromedia: italiani bocciano il tetto al contante

Negli ultimi sondaggi elettorali per Porta a Porta andati in onda il 17 ottobre 2019, Euromedia ha chiesto agli italiani un giudizio su alcuni provvedimenti inseriti nella manovra economica approvata dal governo. La maggioranza dei cittadini ha espresso voto favorevole per quanto riguarda sanzioni più dure o carcere per gli evasori (74,3%), introduzione della plastic tax versata dai produttori (55,7%), sanzioni a chi non accetta carte e bancomat (55,4%). L’unica proposta che trova contraria la maggioranza degli intervistati è l’abbassamento della soglia contante a 2.000 euro per due anni e poi a 1.000 dal 2021 (50,1%).

A commentare i risultati è Alessandra Ghisleri, direttrice di Euromedia: “Questi dati segnalano una divisione geografica importante. Chi abita nel Nord Est afferma di essere molto contrario a tutto. Gli elettori di Pd e Movimento 5 Stelle sono invece favorevoli a tutte le misure prese in esame. Sull’introduzione della plastic tax, un elettore pentastellato su quattro non ha ben compreso di cosa si tratta”.

All’interno della manovra sono stati stanziati anche 3 miliardi di euro per la riduzione del cuneo fiscale. In pratica, i lavoratori dipendenti da luglio prossimo avranno in busta paga un incremento che vale 40 euro lordi al mese. Per il 52,1% la somma in più che finirà nei portafogli dei cittadini è insufficiente mentre l’11,9% la considera sufficiente. Secondo il 30,9% si tratta di un passo avanti.

“Gli italiani – spiega Ghisleri – non hanno compreso se questi 40 euro vanno in cumulo agli 80 euro, quali categorie riceveranno questa somma e di cosa si tratta. I valori del 30,9% e dell’11,9% sono composti in prevalenza da elettori Cinque Stelle e Pd. Il 52,1% è composto da elettori centrodestra più elettori di Italia viva di Renzi”.

Chiudiamo con le intenzioni di voto. I sondaggi elettorali di Euromedia danno il Pd in ripresa dello 0,7 al 18,5%. Il Movimento 5 Stelle perde invece un punto e cala al 18,3%. Italia Viva rimane stabile al 5,5% mentre LeU è sondata al 2,1%. L’intera coalizione di governo raccoglie il 44,4% dei consensi: in calo dello 0,2 rispetto alla precedente rilevazione.

Nel centrodestra la Lega flette leggermente dello 0,2% al 31,8%. Fratelli d’Italia prosegue la sua crescita (+0,3) e stampa un netto 8%. Mentre Forza Italia è indietro di un punto al 7%. Cambiamo, il nuovo movimento di Toti, registra ancora percentuali abbastanza basse (0,2%). L’intero centrodestra raccoglie il 47% dei voti, in calo dello 0,2%.

I piccoli partiti vedono poche variazioni. Più Europa risale al 2%, Siamo Europei è all’1,4% mentre i Verdi sono stabili all’1,4%.

Chiosa Ghisleri: “La manovra mette gli elettori del Pd e del M5S in allarme perché ancora non si sanno bene quali sono i balzelli e i vantaggi che comporta. Renzi è in un momento in cui comunica molto non solo grazie al duello di martedì sera ma anche per la Leopolda imminente. Per il centrodestra, Fdi guadagna qualcosa dalla Lega. Salvini non perde voti ma ha la necessità di fidelizzare i suoi verso progetti nuovi. Gli indecisi si alzano al 32%, uno dei dati più alti di quest’anno”.

sondaggi elettorali euromedia, evasione fiscale
fonte: euromedia
sondaggi elettorali euromedia, cuneo fiscale
fonte: euromedia
sondaggi elettorali euromedia, governo
fonte: euromedia
sondaggi elettorali euromedia, centrodestra
fonte: euromedia
sondaggi elettorali euromedia, altri partiti
fonte: euromedia

Sondaggi elettorali Euromedia: nota metodologica

Data o periodo in cui è stato realizzato il sondaggio: dal 16 al 17 ottobre 2019. Campione casuale nazionale rappresentativo della popolazione italiana maggiorenne secondo genere, età, livello di scolarità, area geografica di residenza, dimensione del comune di residenza. Consistenza numerica del campione di intervistati: (800 interviste): 800 intervistati (interviste valide) – numero dei non rispondenti/rifiuti all’intervista: 1.145 – totale contatti effettuati: 1.945. Il margine di errore relativo ai risultati del sondaggio (livello di rappresentatività del campione del 95%) è +/- 3.5% per i valori percentuali relativi al totale degli intervistati (800 casi). Metodo raccolta delle informazioni: Interviste telefoniche – metodologia C.A.T.I.-C.A.M.I.

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Andrea Turco

Classe 1986, dopo alcune esperienze presso le redazioni di Radio Italia, Libero Quotidiano e OmniMilano approda a Termometro Politico.. Dal gennaio 2014 collabora con il portale d'informazione Smartweek. Su Twitter è @andreaturcomi
Tutti gli articoli di Andrea Turco →