Bollo auto elettriche e ibride 2020: agevolazioni e sconti per regione

Pubblicato il 14 Novembre 2019 alle 09:09
Aggiornato il: 15 Novembre 2019 alle 20:55
Autore: Daniele Sforza
Bollo auto elettriche e ibride 2020
Bollo auto elettriche e ibride 2020: agevolazioni e sconti per regione

Il bollo auto continua a essere oggetto di ricerche sul web da parte degli utenti, soprattutto per quel che riguarda sconti e agevolazioni. Chi è intenzionato ad acquistare un’auto nuova, si sarà sicuramente interessato alle auto elettriche e ibride. I motivi delle ricerche sono vari: inquinano di meno. Ma sono anche tanti coloro che si mettono alla ricerca di sconti e agevolazioni valide in alcune Regioni.

Bollo auto: come funziona adesso e quali sono le esenzioni

Il bollo auto attuale viene calcolato in base alla potenza del veicolo e alla classe di emissioni. Si tratta di un’imposta regionale, ovvero è una tassa di competenza delle Regioni, le quali pertanto decidono di eventuali sconti, riduzioni, esenzioni e agevolazioni in autonomia. E così avviene per quanto riguarda gli sconti “ambientali”. Le principali esenzioni di cui siamo a conoscenza riguardano senz’altro le auto storiche (da vent’anni in su, in alcune Regioni, e quelle ultra-trentennali). Ma anche le nuove auto elettriche e ibride sono oggetto di sconti in alcune Regioni, anche per compensare l’elevato prezzo di listino che caratterizza questi veicoli (e che quindi non sono accessibili a tutti).

Prescrizione fino al 2016 in arrivo: la scadenza

Bollo auto elettriche e ibride: come funziona nelle Regioni

Come abbiamo anticipato gli sconti, le agevolazioni e le esenzioni sono decise in autonomia dalle singole Regioni. Non abbiamo pertanto un quadro unico e generalizzato della situazione, quando si parla di agevolazioni sul bollo per i veicoli elettrici o ibridi e dobbiamo vedere come funziona per ogni singola Regione.

  • Campania: le auto ibride immatricolate per la prima volta sono esenti dal pagamento dell’imposta per il primo triennio;
  • Emilia Romagna: le auto ibride immatricolate dal 1° gennaio 2016 sono esentati dal pagamento del bollo per il primo triennio;
  • Friuli Venezia Giulia: i possessori dei veicoli ibridi sono esentati dal pagamento del bollo auto per 5 anni a partire dalla data del collaudo;
  • Lazio: esenzione pagamento bollo auto per 3 anni dall’immatricolazione di auto ibride o elettriche;
  • Liguria: esenzione dal pagamento del bollo auto per i veicoli ibridi per il primo quinquennio dall’immatricolazione;
  • Lombardia: esenzione 100% per le auto elettriche, mentre le auto ibride hanno diritto a uno sconto del 50% per il primo triennio;
  • Marche: l’esenzione ha una durata di 6 anni;
  • Puglia: esenzione dal pagamento dell’imposta per i veicoli ibridi per il primo bollo e per i 5 anni successivi;
  • Umbria: esenzione triennale per tutti i veicoli ibridi;
  • Valle d’Aosta: esenzione quinquennale per i veicoli ibridi ed elettrici;
  • Veneto: esenzione dal pagamento del bollo triennale per i veicoli ibridi;
  • Provincia di Bolzano: le auto ibride sono esentate dal pagamento del bollo per i primi 3 anni dall’immatricolazione. Esenzione quinquennale per le auto elettriche e termiche (<30 gr/km di Co2);
  • Provincia di Trento: esenzione quinquennale per le auto ibride.

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →