Sondaggi elettorali, un confronto: i minority report degli istituti al 18 novembre 2019

Pubblicato il 18 Novembre 2019 alle 18:06
Aggiornato il: 19 Novembre 2019 alle 21:04
Autore: Gianni Balduzzi
Sondaggi elettorali, un confronto: i minority report degli istituti al 14 gennaio 2019
Sondaggi elettorali, un confronto: i minority report degli istituti al 18 novembre 2019

Diamo puntualmente conto dei sondaggi elettorali che ogni settimana i vari istituti producono. Lo facciamo confrontando le tendenze ed i numeri dei singoli studi. Così ognuno può verificare il valore dei partiti osservando come cambia la percentuale da un sondaggio all’altro.

In questa rubrica però, come ogni settimana, cerchiamo di tracciare l’andamento dei sondaggi elettorali che si distaccano dagli altri per vedere successivamente chi ci ha visto giusto e anche per cercare di comprendere quali istituti fiutano, prima degli altri, i cambiamenti di umore dell’elettorato.

Sondaggi elettorali, per Ixè il PD raggiunge il 21%, per tutti gli altri è sotto il 20%

Questa settimana tra i sondaggi elettorali spicca l’istituto Ixè come minority report. È infatti l’unico a dare il PD sopra il 20%, addirittura al 21%: molto sopra la media del 19,2% e ancora più sopra di quel 18,1% che è il valore minimo attribuito al partito di Zingaretti da Euromedia.

sondaggi elettorali ixe, intenzioni voto
Fonte: Ixè

Per una volta sono minori le oscillazioni relative al Movimento 5 Stelle, visto che si va dal 15,8% di Swg e Euromedia al 17,5% di Piepoli. Ormai il declino del movimento è stato incorporato da tutti gli istituti.

C’è maggiore convergenza di prima anche su Italia Viva, che nessuno vede oltre il 5,8% di Demopolis ed Euromedia, e nessuno al di sotto del 4,3% di Ixè.

Sondaggi elettorali, per Piepoli la Lega solo al 31,5%

Riguardo l’opposizione il minority report più importante è quello di Piepoli sulla Lega che viene data al 31,5% contro una media del 33,4%. Termometro Politico arriva all’opposto ad attribuire alla stessa Lega il 35,2%

sondaggi elettorali piepoli
Fonte: Piepoli

È massima invece la concordanza degli istituti su Fratelli d’Italia, la cui ascesa è riconosciuta unanimemente da tutti gli istituti. Si va dal 9% di Index e Piepoli al 9,9% del TP.

Su Forza Italia come al solito ci sono meno oscillazioni, e le differenze sono larghe: tra il 5,6% di Demopolis e TP e l’8% di Tecnè.

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Gianni Balduzzi

Editorialista di Termometro Politico, esperto e appassionato di economia, cattolico- liberale, da sempre appassionato di politica ma senza mai prenderla troppo seriamente. "Mai troppo zelo", diceva il grande Talleyrand. Su Twitter è @Iannis2003
Tutti gli articoli di Gianni Balduzzi →