Pensioni ultime notizie: cosa cambia da gennaio 2020, le novità

Pubblicato il 26 Novembre 2019 alle 08:34 Autore: Daniele Sforza
Pensioni ultime notizie cosa cambia da gennaio 2020
Pensioni ultime notizie: cosa cambia da gennaio 2020, le novità

Cambierà poco o nulla sul fronte previdenziale da gennaio 2020: siamo lontani dalla Manovra 2019, nella quale ci si concentrava soprattutto sulle pensioni, con l’introduzione di Quota 100 e della pensione di cittadinanza. Quest’anno, invece, si è preferito puntare su altro (in primis la lotta all’evasione fiscale, ma anche il taglio del cuneo fiscale), e si è deciso di rimandare il discorso pensioni al prossimo anno. Sul tema pensioni ultime notizie riportano gli impegni presi dal governo nei confronti dei sindacati, che si tradurranno in una serie di tavoli di confronto da gennaio con il fine di redigere una riforma complessiva del sistema pensionistico entro aprile 2020. A parlarne è stata anche il ministro del Lavoro Nunzia Catalfo, in occasione del convegno Festival del Lavoro – Anteprima 2020 a Roma.

Pensioni ultime notizie: superamento Legge Fornero entro aprile 2020

Anche Maurizio Landini si è espresso sul tema. Il segretario generale della Cgil ha infatti ribadito la necessità nonché l’urgenza di una riforma di questo tipo. Su Quota 100, invece, “nel 2020 è utile che rimanga così”, senza però dimenticare che “c’è stato l’impegno di aprire un confronto per arrivare a una revisione della riforma Fornero”. Insomma, l’obiettivo dichiarato di governo e sindacati è il superamento definitivo della Legge del 2011. Ma c’è ancora altro: la pensione di garanzia per i giovani, il riconoscimenti dei lavori gravosi, la separazione tra previdenza e assistenza. Il confronto, anche nelle intenzioni del sindacalista, dovrebbe chiudersi ad aprile 2020.

Proroga Ape Sociale e Opzione Donna, addio ApeV

Intanto nella prossima Manovra si è deciso per la proroga di Ape Social e Opzione Donna. Quota 100 invece resterà inalterata così com’è e dovrebbe arrivare alla scadenza naturale, nonostante le continue pressioni di Italia Viva che avrebbe intenzione di abolire la misura. Nel 2020, invece, diremo addio all’Ape volontaria, ovvero l’anticipo pensionistico erogato in base a un prestito contratto dal pensionato che gli permette di andare in pensione in anticipo e di avere un reddito mensile che gli consenta di raggiungere l’età della pensione in tranquillità (finanziariamente parlando). Nel 2020 non sarà possibile usufruire di questa occasione.  

Pensioni ultime notizie: la rivalutazione 2020

Ultimo capitolo del tema pensioni 2020 è certamente la rivalutazione, che a partire da gennaio 2020 sarà dello 0,4% in base all’indice di variazione dei prezzi per il 2020 che sarà reso noto dall’Istat. Il prossimo anno i pensionati vedranno sul proprio cedolino una manciata di euro in più. In ogni caso la percentuale di rivalutazione dipenderà dall’aliquota prevista, che possiamo riassumere nel modo seguente:

  • 100%: per chi riceve fino a 4 volte il trattamento minimo;
  • 77%: fino a 5 volte il trattamento minimo;
  • 52%: fino a 6 volte il trattamento minimo;
  • 47%: fino a 8 volte;
  • 45%: fino a 9 volte;
  • 40%: per chi riceve oltre 9 volte il trattamento minimo.

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →