Le elezioni presidenziali USA 2016 e l’interferenza ucraina a favore dei democratici

Pubblicato il 4 Dicembre 2019 alle 10:57
Aggiornato il: 5 Dicembre 2019 alle 22:07
Autore: Redazione
Donald Trump durante un incontro elettorale
Le elezioni presidenziali USA 2016 e l’interferenza ucraina a favore dei democratici

Articolo di Luca Maragna de “l’Osservatore Repubblicano”

Dopo avervi parlato in questo articolo del collegamento tra la famiglia Biden e l’Ucraina, torniamo ad occuparci di affaire USA: torniamo a 3 anni fa.

Elezioni presidenziali USA 2016 – Funzionari del governo ucraino hanno cercato di aiutare Hillary Clinton andando contro il candidato Donald Trump, mettendo in discussione pubblicamente la sua idoneità a concorrere come Presidente. Sono stati diffusi documenti che coinvolgevano un importante aiutante di Trump in attività di corruzione, suggerendo di indagare sulla questione, solo per desistere dopo le elezioni presidenziali del novembre 2016.

Gli ucraini hanno aiutato gli alleati di Hillary Clinton a cercare informazioni dannose su Trump e i suoi consiglieri, come riferito da un’inchiesta di Politico.

Un agente ucraino-americano (Alexandra Chalupa che conosce il presunto whistleblower Eric Ciaramella) legato al Comitato nazionale democratico (DNC) ha incontrato alti funzionari dell’ambasciata ucraina a Washington, nel tentativo di esporre collegamenti tra Trump, il principale aiutante della campagna Paul Manafort e la Russia, secondo persone con conoscenza diretta della situazione.

Gli sforzi ucraini hanno avuto un impatto nella corsa presidenziale, aiutando a forzare le dimissioni di Manafort e avanzando la narrazione che la campagna di Trump era profondamente connessa con la Russia.

Osservatori di lunga data hanno suggerito, nel 2017, che la corruzione dilagante, la lotta tra fazioni e le lotte economiche che affliggono il Paese -unito al conflitto in corso con la Russia – avrebbero impedito all’Ucraina di portare a termine una complicata campagna di interferenza segreta nelle elezioni di un altro Paese. E l’amministrazione di allora del presidente Petro Poroshenko, insieme all’ambasciata ucraina a Washington, avevano insistito sul fatto che l’Ucraina era rimasta neutrale nella corsa presidenziale.

Eppure l’indagine di Politico ha trovato prove del coinvolgimento del governo ucraino nella corsa presidenziale.

Ricordiamo che l’Ucraina, ha tradizionalmente intrattenuto solide relazioni con le amministrazioni statunitensi, ma i suoi funzionari temevano che con l’Amministrazione Trump ciò cambiasse, a causa del profondo scetticismo della squadra di Trump nei confronti di Poroshenko.

Le rivelazioni sugli sforzi dell’Ucraina contro Trump potrebbero frenare il rafforzamento di tali legami.

Prima delle elezioni presidenziali USA 2016: chi è Alexandra Chalupa?

Il coinvolgimento di Alexandra Chalupa, impiegata e poi consulente del DNC che ha ricercato collegamenti tra la campagna di Trump e la Russia.

Alla fine del 2013 l’allora presidente ucraino, Viktor Yanukovych, che Manafort aveva consigliato nella sua attività di consulenza, fece saltare un accordo con l’Unione Europea (che era legato a riforme sull’anticorruzione) e stipulò un accordo di salvataggio di miliardi di dollari con la Russia, scatenando proteste in tutta l’Ucraina che spinsero Yanukovich a fuggire dal paese e recarsi in Russia, sotto la protezione di Putin.

Nella crisi che ne seguì, le truppe russe occuparono la Crimea e Manafort sparì dalla circolazione. Il lavoro di Manafort per Yanukovich aveva attirato l’attenzione di un agente democratico di nome Alexandra Chalupa, che aveva lavorato presso l’ufficio di collegamento con il pubblico della Casa Bianca durante l’amministrazione Clinton. Chalupa ha continuato a lavorare come impiegato e poi come consulente, per il Comitato nazionale democratico. Il DNC le ha pagato $ 412.000 dal 2004 a giugno 2016, secondo i dati della Commissione elettorale federale, anche se a quel tempo era stata pagata anche da altri clienti, includendo poi le campagne elettorali democratiche.

Alexandra è figlia di immigrati ucraini che ha mantenuto forti legami con la diaspora ucraina-americana e l’ambasciata degli Stati Uniti in Ucraina. La Chalupa, di professione avvocato, nel 2014 stava lavorando per un altro cliente interessato alla crisi ucraina e aveva iniziato a raccogliere informazioni sul ruolo di Manafort nell’ascesa di Yanukovich, così come i suoi legami con gli oligarchi filo-russi che hanno finanziato il partito politico di Yanukovich.

L’intervista di Politico a Chalupa a fine 2017

In un’intervista di fine 2017, Chalupa aveva detto a Politico di aver sviluppato una rete di fonti informative a Kiev e Washington, tra cui giornalisti investigativi, funzionari governativi e agenti di intelligence privati. Mentre il suo lavoro di consulenza presso il DNC nella precedente elettorale si era concentrato sulla mobilitazione delle comunità etniche, inclusi gli ucraini-americani. Quando la campagna presidenziale di Trump ha iniziato a emergere alla fine del 2015, ha iniziato a concentrarsi maggiormente sulla ricerca e l’ha ampliata per includere anche i legami di Trump con la Russia.

Occasionalmente aveva condiviso le sue scoperte con i funzionari della DNC e la campagna di Clinton. Nel gennaio 2016, mesi prima che Manafort prendesse parte alla campagna di Trump, Chalupa disse a un alto dirigente della DNC che, quando si trattava della campagna di Trump, “sentiva che c’era una connessione con la Russia”. “E che, se ci fosse, possiamo aspettarci che Paul Manafort sia coinvolto in queste elezioni”.

Chalupa ha poi avvertito i leader della comunità ucraino-americana che Manafort era “il cervello politico di Putin per la manipolazione della politica estera e delle elezioni statunitensi”.

Ha detto di aver condiviso la sua preoccupazione con l’ambasciatore ucraino negli Stati Uniti, Valeriy Chaly, e con uno dei suoi aiutanti principali, Oksana Shulyar, durante un incontro nel marzo 2016 presso l’ambasciata ucraina. Chaly ha detto che non era particolarmente preoccupato poiché non credeva che Trump avesse molte possibilità di vincere la nomination al GOP, figuriamoci la presidenza.

La situazione cambiò 4 giorni dopo l’incontro di Chalupa all’ambasciata ucraina, quando gli è stato riferito che Trump aveva effettivamente assunto Manafort, e Chalupa credeva che poteva essere coinvolto in qualcosa. Il giorno dopo che l’assunzione di Manafort era stata rivelata, aveva informato il DNC su Manafort, Trump e i loro legami con la Russia, secondo un agente che conosce bene la situazione.

Un ex membro del personale della DNC aveva descritto l’informazione avuta da Chalupa come una “conversazione informale” “e aggiunse che non la stavamo istruendo o guidando”. Tuttavia, l’ex membro del personale della DNC e l’agente operativo con familiarità della situazione hanno concordato, con l’incoraggiamento del DNC, Chalupa avrebbe chiesto al personale dell’ambasciata di provare a organizzare un’intervista in cui Poroshenko potesse discutere i legami di Manafort con Yanukovich.

L’ambasciata ha rifiutato tale richiesta, ma i funzionari sono diventati “utili” negli sforzi di Chalupa, spiegando che lei aveva scambiato informazioni, tuttavia non erano stati consegnati documenti.

Chalupa ha detto che l’ambasciata aveva anche lavorato direttamente con i giornalisti alla ricerca di informazioni su Trump, Manafort e i collegamenti con la Russia per indirizzarli nella giusta direzione. Ha aggiunto, tuttavia, “erano molto attenti e discreti..…Penso che stessero facendo attenzione perché la loro situazione era delicata perché non potevano schierarsi. È una questione politica e non volevano essere coinvolti semplicemente perché non potevano”.

L’aiutante dell’ambasciatore ucraino Shulyar negò con veemenza di aver lavorato con i giornalisti o con Chalupa per ricercare e diffondere informazioni dannose su Donald Trump e Paul Manafort.

Ma Andrii Telizhenko, che ha lavorato come ufficiale politico presso l’ambasciata ucraina sotto Shulyar, ha dichiarato che quest’ultimo l’aveva incaricato di aiutare Chalupa a ricercare i collegamenti tra Trump, Manafort e la Russia.

“Stavano coordinando un’indagine con il team Hillary su Paul Manafort con Alexandra Chalupa, Oksana stava mantenendo tutto segreto”, ma “l’ambasciata aveva lavorato a stretto contatto con Chalupa”.

Telizhenko ha rammentato che Chalupa aveva detto a lui e a Shulyar che “Se possiamo ottenere abbastanza informazioni su Paul [Manafort] o sul coinvolgimento di Trump con la Russia potrò essere ascoltata al Congresso entro settembre (2016)”.

Chalupa aveva confermato che, una settimana dopo l’annuncio dell’assunzione di Manafort, aveva discusso della possibilità di un’indagine congressuale con un assistente legislativo della politica estera nell’ufficio del rappresentante Marcy Kaptur (D-Ohio), ma non si fece poi niente.

Il 20 aprile arrivò un messaggio di posta elettronica dagli amministratori del suo account mail che gli comunicavano che “attori sponsorizzati da uno stato” stavano cercano di hackerare la sua mail.

Ha continuato le sue ricerche, partecipando a un dibattito, una settimana dopo il messaggio che comunicava il tentativo di hacking, per discutere le sue ricerche su Manafort con un gruppo di giornalisti investigativi ucraini riuniti presso la Biblioteca del Congresso nell’ambito di un programma sponsorizzato da un’agenzia congressuale americana chiamata Open World Leadership Centro.

L’Open World Leadership Centro aveva dichiarato di essere un gruppo indipendente, non schierato politicamente. Chalupa, tuttavia, aveva indicato in un’e-mail che è stata successivamente violata e rilasciata da WikiLeaks che l’Open World Leadership Center “mi ha inserito nel dibattito per parlare specificamente di Paul Manafort”.

Nell’e-mail, che è stata inviata all’inizio di maggio 2016 all’allora direttore delle comunicazioni della DNC Luis Miranda, Chalupa aveva fatto presente di aver esteso l’invito al forum della Library of Congress anche al veterano reporter investigativo di Washington Michael Isikoff. Due giorni prima dell’evento, aveva pubblicato una storia per Yahoo News che rivelava il mancato accordo di un contratto da 26 milioni di dollari tra Manafort e un oligarca russo relativo a un’impresa di telecomunicazioni in Ucraina. Chalupa lo aveva presentato e introdotto agli ucraini presenti al dibattito.

Chalupa in una sua e-mail di maggio – anch’essa hackerata – disse al DNC di avere ulteriori informazioni sensibili su Manafort che intendeva condividere “offline” (a causa dell’hacking) con Miranda e il direttore della ricerca del DNC Lauren Dillon, tra cui “una persona di rilievo legato a Trump che tu e Lauren dovete conoscere e che arriverà nelle prossime settimane ed è qualcosa su cui sto lavorando e che dovete essere informati”.

Nessun commento arrivò mai da Luis Miranda e da Lauren Dillon.

Un funzionario del DNC aveva sottolineato che Chalupa era un consulente pagato per fare attività di sensibilizzazione per il dipartimento politico del partito, non un ricercatore. Ha intrapreso le sue indagini su Trump, Manafort e la Russia da sola, e il partito non ha fatto proprie le sue scoperte. Il funzionario aveva evidenziato che il DNC aveva raccolto fascicoli di informazioni su Trump e i suoi legami con la Russia molto prima che Chalupa iniziasse a con la sua attività di ricerca..

In ogni caso, sulla base di un e-mail di Chalupa, le preoccupazioni tra i massimi funzionari del partito erano aumentate, rafforzando la loro conclusione che probabilmente la Russia era dietro le intrusioni informatiche che il Partito Democratico stava in quel momento solo iniziando ad affrontare.

Chalupa lasciò il DNC dopo la convention democratica alla fine di luglio 2016 per concentrarsi a tempo pieno sulla sua ricerca su Manafort, Trump e la Russia. Aveva dichiarato di aver fornito informazioni e indicazioni pronte all’uso a “molti giornalisti” che lavorano su storie relative alle connessioni di Manafort e Trump in Russia.

Dalle presidenziali del 2016 fino alla caccia a Manafort

Sebbene non sia insolito che agenti esterni fungano da intermediari tra governi e giornalisti, una delle storie più dannose relative alla Russia per la campagna di Trump, e certamente per Manafort, può essere imputata direttamente al governo ucraino.

I documenti rilasciati da un’agenzia governativa ucraina indipendente, e pubblicizzati da un parlamentare, sembrano rivelare $ 12,7 milioni di pagamenti in contanti che sono stati disposti per Manafort dal partito allineato alla Russia dell’ex presidente deposto, Yanukovich.

Il New York Times, nell’articolo dell’agosto 2016 che aveva rivelato l’esistenza dei registri, ha riferito che i pagamenti disposti per Manafort erano “al centro” di un’inchiesta da parte di funzionari ucraini dell’anticorruzione, mentre la CNN aveva riferito giorni dopo che l’FBI stava portando avanti un’inchiesta sovrapposta.

La campagna elettorale di Clinton si impadronì della storia per far avanzare l’argomentazione dei democratici secondo cui la campagna di Trump era strettamente legata alla Russia.

I registri contabili costituivano delle “connessioni preoccupanti tra la squadra di Donald Trump ed elementi pro-Cremlino in Ucraina”, aveva dichiarato Robby Mook, responsabile della campagna elettorale di Clinton. Mook chiese a Trump “di rivelare i legami del presidente della campagna elettorale Paul Manafort e di tutti gli altri impiegati e consulenti della campagna con entità russe o filo-Cremlino, incluso se uno qualsiasi dei dipendenti o consulenti di Trump sta rappresentando e/o se sono pagati da loro”.

La conferenza stampa di Leshchenko contro Paul Manafort

Un ex giornalista investigativo ucraino eletto in Parlamento nel 2014 di nome Serhiy Leshchenko, del partito di Poroshenko, tenne una conferenza stampa coadiuvato dal NABU (Ufficio Nazionale anti corruzione) per mettere in evidenza i registri dei pagamenti e sollecitare le forze dell’ordine ucraine e americane a indagare aggressivamente su Manafort.

Credo e comprendo che la base di questi pagamenti è totalmente contraria alla legge, ne abbiamo la prova”, ha affermato Leshchenko durante la conferenza stampa, che ha attirato la copertura mediatica internazionale.

“Se il signor Manafort nega qualsiasi accusa, penso che debba essere interrogato in questo caso e dimostrare la sua posizione, di non essere stato coinvolto in alcuna cattiva condotta nel territorio dell’Ucraina”.

All’epoca, Leshchenko suggerì che la sua motivazione era di mettere in difficoltà Trump. 

“Per me, è stato importante mostrare non solo l’aspetto della corruzione, ma che è un candidato filo-russo può spezzare l’equilibrio geopolitico nel mondo”, riferì al Financial Times circa due settimane dopo la sua conferenza stampa. Il Financial Times sulla base di quanto dichiarato da Leshchenko riferì che la candidatura di Trump aveva spronato “la più ampia leadership politica di Kiev a fare qualcosa che non avrebbero mai tentato prima, cioè intervenire, per quanto indirettamente, nelle elezioni americane” ovvero nelle elezioni presidenziali USA 2016. Inoltre il parlamentare ucraino aveva affermato che la “maggior parte dei politici ucraini sono per il candidato democratico Hillary”.

Alla fine, Paul Manafort rassegna le dimissioni

Manafort negò di aver ricevuto denaro in contanti dal Partito di Yanukovich e ha affermato di non essere mai stato contattato da investigatori ucraini o americani, in seguito dicendo a POLITICO “Sono stato incastrato”.

Secondo il famigerato e falso dossier Steele redatto per la società Fusion GPS (che lavorava per conto della Campagna di Hillary e del DNC), Yanukovich, in un incontro segreto con Putin, il giorno dopo che il New York Times pubblicò il suo rapporto, dichiarò di aver autorizzato “pagamenti sostanziali a Manafort”, assicurando a Putin “che non era rimasta alcuna traccia documentaria che potesse fornire prove di quanto avvenuto”.

Ovviamente il dossier non era verificato e si è rivelato un falso e una delle fonti di Fusion GPS era lo stesso Leshchenko che fece la conferenza stampa per attaccare Manafort e quindi Trump.

In ogni caso la pressione conseguente all’indagine sui registri bancari, insieme a quello sul suo lavoro in Ucraina, si rivelò eccessivo, e si dimise dalla campagna di Trump meno di una settimana dopo la storia del New York Times.

La ritrattazione delle posizioni filo-Hillary e anti-Trump

Leshchenko disse a Politico: “Non mi importava chi potesse vincere le elezioni statunitensi. Questa è stata una decisione che sono gli elettori americani a decidere”. Il suo obiettivo nell’evidenziare i registri dei pagamenti, ha detto era di “evidenziare questi problemi a livello politico e sottolineare l’importanza delle indagini”.

Un portavoce di Poroshenko a Politico, in nome dell’Amministrazione ucraina prese le distanze sia dagli sforzi di Leshchenko sia da quelli dell’agenzia anticorruzione ucraina NABU.

Il NABU venne creato nel 2014 come condizione affinché l’Ucraina ricevesse aiuti dagli Stati Uniti e dall’Unione europea e firmò un accordo di condivisione delle prove con l’FBI alla fine di giugno 2016, meno di un mese e mezzo prima della pubblicazione dei registri dei pagamenti con la conferenza stampa di Leshchenko.

L’Agenzia è “completamente indipendente”, disse il portavoce di Poroshenko, aggiungendo che “non c’è stata alcuna azione mirata contro Manafort”.

“Per quanto riguarda Serhiy Leshchenko, è un rappresentante dell’opposizione interna all’interno della fazione di Petro Poroshenko, ed è stato lui personalmente che ha spinto la NABU a proseguire le indagini su Manafort”.

Ma un agente che ha lavorato a lungo in Ucraina, anche come consigliere di Poroshenko, ha affermato che era altamente improbabile che Leshchenko o l’ufficio anticorruzione avessero proseguito nell’indagine senza almeno la tacita approvazione di Poroshenko o dei suoi più stretti alleati.

“Era qualcosa di cui Poroshenko era probabilmente a conoscenza e avrebbe potuto fermarlo se avesse voluto”.

I dubbi sui registri dei pagamenti presentati come prova contro Manafort

E, quasi immediatamente dopo la straordinaria vittoria di Trump su Clinton, iniziarono a sorgere domande sulle indagini sui registri dei pagamenti sopra citati e sulla loro affidabilità.

L’ufficio anticorruzione (NABU) ha dichiarato a Politico, alla fine di ottobre, che “un’indagine generale è ancora in corso” sul libro mastro, ma Manafort non è un obiettivo dell’indagine. “Poiché non è un cittadino ucraino, [l’ufficio anticorruzione] per legge non ha potuto indagarlo personalmente”.

Alcuni critici di Poroshenko sono andati oltre, suggerendo che il NABU si sta ritirando dall’investigare perché i registri potrebbero essere stati alterati o addirittura essere un falso.

Valentyn Nalyvaichenko, un ex diplomatico ucraino che è stato capo della sicurezza del Paese sotto Poroshenko, ma che ora è affiliato con un avversario di Poroshenko, ha affermato che era sospetto che “apparisse solo una parte del libro mastro nero. Dov’è l’analisi della scrittura a mano?” e disse che era “folle” annunciare un’indagine basata sui registri.

Si è incontrato nel mese di ottobre 2017 a Washington con gli alleati di Trump e ha dichiarato: “Naturalmente tutti riconoscono che il nostro ufficio anticorruzione è intervenuto nella campagna presidenziale”.

Tornando al libro mastro nero, l’ufficio del procuratore Mueller non ha presentato il libro mastro al processo di Manafort come prova nell’ambito dell’indagine del procuratore speciale del 2017-2018 e questo è sintomo della affidabilità di tale documento (Manafort è stato condannato per evasione fiscale su somme non dichiarate percepite in Ucraina).

Ma il libro mastro è stata la prova definitiva della determinazione dell’establishment politico e attivista ucraino a esercitare influenza sulle elezioni presidenziali statunitensi del 2016.

Le critiche a Trump da parte della leadership Ucraina

Al di là di ogni sforzo per sabotare Trump, i funzionari ucraini non sono stati di certo amichevoli nei confronti del candidato repubblicano durante la campagna delle elezioni presidenziali Usa 2016.

L’ambasciatore, Chaly, in un articolo per The Hill ad agosto 2016, ha criticato Trump per una serie di dichiarazioni in cui il candidato del GOP ad un certo punto aveva espresso la volontà di considerare legittimo l’annessione della Russia della Crimea e questo nonostante la Convenzione di Ginevra per i diplomatici vieti agli ambasciatori di venire coinvolti negli affari interni o nelle elezioni dei loro paesi ospitanti.

L’ex primo ministro ucraino Arseny Yatseniuk riferendosi a Trump in merito alla dichiarazione sulla Crimea ha scritto su Facebook la seguente dichiarazione: “Un candidato ufficiale per le elezioni presidenziali degli Stati Uniti ha sfidato gli stessi valori del mondo libero, dell’ordine mondiale civilizzato e del diritto internazionale”.

Il ministro degli affari interni ucraino, Arsen Avakov, su Twitter a luglio 2016 definì Trump come un “pagliaccio” e affermò che Trump è “un pericolo ancora più grande per gli Stati Uniti rispetto al terrorismo” palesando il collegamento tra Trump e la Russia. Su Facebook secondo una traduzione della BBC dichiarò: “La dichiarazione spudorata del candidato presidenziale americano Trump sul possibile riconoscimento della Crimea alla Russia è una diagnosi di un pericoloso emarginato… È pericoloso sia per l’Ucraina che per gli Stati Uniti, nella stessa misura. Un reietto che si inchina alla dittatura di Putin non può essere il garante delle libertà democratiche negli Stati Uniti e nel mondo”.

In piena campagna per le elezioni presidenziali del 2016, l’Ucraina chiude definitivamente la porta a Trump

Telizhenko, ex funzionario dell’ambasciata, ha affermato che, durante la fase delle primarie, Chaly – ovvero l’ambasciatore ucraino a Washington –aveva effettivamente ordinato ai membri dell’ambasciata di non contattare la campagna di Trump, anche se si stava impegnando con quelli del principale rivale (la Clinton) e con il rivale repubblicano (Ted Cruz).

Avevamo un ordine di non parlare con il team di Trump, perché era critico nei confronti dell’Ucraina e del governo e per la sua posizione critica sulla Crimea e sul conflitto” ha affermato Telizhenko. “Sono stato ripreso quando ho proposto di parlare con Trump e l’ambasciatore aveva detto di non voler essere coinvolto con la campagna di Trump in quanto Hillary vincerà”. Questo resoconto è stato confermato da Nalyvaichenko, ex diplomatico e capo della sicurezza ora affiliato con un avversario di Poroshenko che ha dichiarato: “Le autorità ucraine hanno chiuso tutte le porte e finestre a Trump”.

Andriy Artemenko, un parlamentare ucraino associato a un partito di opposizione conservatore, si è incontrato con la squadra di Trump durante la campagna e ha detto che si è offerto personalmente di organizzare incontri simili per Chaly ma è stato respinto.

Era chiaro che stavano sostenendo la candidatura di Hillary Clinton”, ha detto Artemenko. “Hanno fatto di tutto, dall’organizzazione di incontri con il team di Clinton, al sostegno pubblico, alla critica di Trump…. Penso che semplicemente non si siano incontrati con Trump perché pensavano che Hillary avrebbe vinto”.

Il rapporto tra Trump e l’establishment ucraino prima e dopo le elezioni

Dopo la vittoria di Trump, Poroshenko fu tra i primi a congratularsi e dall’8 novembre gli ucraini hanno cercato di ricalibrare l’attività diplomatica e le relazioni pubbliche con Trump dopo l’aperta ostilità pre-elezioni e il sostegno al candidato rivale democratico.

Il presidente ucraino poco dopo le elezioni, al fine di rafforzare i legami USA-Ucraina, ha firmato un contratto da $ 50.000,00 al mese per un contratto di lobbying con una società collegata al partito repubblicano (GOP), specializzata nell’organizzare incontri con funzionari governativi.

L’ambasciatore Chaly ha incontrato dopo le elezioni degli stretti alleati di Trump, tra cui Sens. Jeff Sessions, candidato alla carica di procuratore generale di Trump e Bob Corker, presidente del Comitato per le relazioni estere del Senato. L’ambasciatore ha accompagnato anche Ivanna Klympush-Tsintsadze, vice primo ministro ucraino per l’integrazione europea ed euro-atlantica, a una serie di incontri a Washington con il rappresentante Tom Marino (R-Pa.), uno dei primi sostenitori di Trump, e con Jim DeMint, presidente della The Heritage Foundation, che ha avuto un ruolo di primo piano nella fase della transizione tra le 2 presidenze.

Insomma per rimediare alla palese ostilità contro Trump, la leadership ucraina dopo le elezioni del 2016 ha tentato di percorrere varie strade.

Considerazioni finali: l’Ucraina puntò sul cavallo sbagliato

Quanto sopra si riferisce all’inchiesta fatta da Politico sulle interferenze ucraine nella campagna presidenziale del 2016 contro Trump e a favore di Hillary.

Successivamente l’ambasciata ucraina a Washington ha rilasciato una dichiarazione nell’aprile 2019, ammettendo che un appaltatore del Comitato nazionale democratico di nome Alexandra Chalupa aveva sollecitato funzionari ucraini nella primavera 2016 per cercare sporcizia sul manager della campagna di Trump, Paul Manafort, nella speranza di organizzare un’audizione congressuale vicino alle elezioni del 2016 danneggiando le chance elettorali di Trump.

Un tribunale distrettuale ucraino ha decretato a dicembre 2018 che la divulgazione di informazioni dell’estate 2016 da parte del parlamentare ucraino Sergey Leschenko e del direttore della NABU Artem Sytnyk su un’indagine in corso su Manafort ha rappresentato un’interferenza impropria da parte del governo ucraino nelle elezioni americane del 2016.

L’Ucraina nel 2016, dopo 8 anni di dominio democratico con Obama, ha creduto che il candidato democratico Hillary vincesse le elezioni e considerato gli enormi interessi in gioco, ha fatto di tutto per contrastare il candidato repubblicano fino ad arrivare all’inchiesta su Manafort, per la quale vi sono grossi dubbi sulla veridicità della documentazione presentata a sostegno delle accuse.

Insomma, l’Ucraina ha puntato sul cavallo sbagliato.

L’ostilità e la diffidenza di Trump nei confronti dell’Ucraina pertanto è più che giustificata.

FONTI E CITAZIONI:

https://www.politico.com/story/2017/01/ukraine-sabotage-trump-backfire-233446

https://www.washingtonexaminer.com/news/analysis-what-if-trump-was-right-about-ukraine?_amp=true&__twitter_impression=true

https://johnsolomonreports.com/responding-to-lt-col-vindman-about-my-ukraine-columns-with-the-facts/

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Redazione

Redazione del Termometro Politico. Questo profilo contiene articoli "corali", scritti dalla nostra redazione, oppure prodotti da giornalisti ed esperti ospiti sulle pagine del Termometro.
    Tutti gli articoli di Redazione →