Concorsi scuola 2020: requisiti, posti e quando escono

Pubblicato il 4 Dicembre 2019 alle 21:07 Autore: Giuseppe Spadaro
Mano poggiata su un mouse pressi tastiera pc
Concorsi scuola 2020: requisiti, posti e quando escono

Concorsi scuola 2020: torniamo a parlare di scuola, settore in cui cui ci saranno importanti novità il prossimo anno. L’Aula della Camera con 282 voti a favore e 212 voti contrari ha dato il via libera al decreto legge sul personale della scuola. Il testo passa ora all’esame del Senato. Seguirà l’approvazione definitiva.

Concorsi scuola 2020: tra le novità tornano dopo 15 anni i concorsi per insegnanti di Religione Cattolica

Sinteticamente vediamo quali sono i punti principali.

A proposito dei futuri concorsi che riguarderanno il Miur (qui il nostro articolo sul profilo dell’attuale ministro Lorenzo Fioramonti), come riferito dall’Ansa, sono state allargate le maglie per consentire la partecipazione al concorso straordinario per l’assunzione di 24.000 insegnanti. Infatti potranno candidarsi sia i docenti che hanno maturato servizio nei percorsi di Istruzione e formazione professionale (IeFP), sia coloro che hanno effettuato una delle tre annualità richieste dall’anno scolastico 2008/2009, sia chi sta svolgendo nell’anno in corso la terza annualità di servizio.

E non sarà l’unica novità. Anche il coding entra a far parte delle metodologie didattiche da acquisire nell’ambito dei crediti formativi o durante il periodo di formazione e prova legato al concorso.

Riaperte inoltre le graduatorie di terza fascia con proroga fino all’anno scolastico 2022/2023. E sempre in materia di concorsi è stato autorizzato un nuovo concorso per insegnanti di Religione Cattolica. Va evidenziato che l’ultimo concorso per docenti di religione si è svolto 15 anni fa.

È stata decisa, per i diplomati magistrali, la trasformazione del contratto di lavoro in contratto a tempo determinato in caso di sentenza sfavorevole, con l’obiettivo di garantire la continuità didattica.

Altri punti importanti del decreto

Concorsi scuola 2020, e poi? Quali sono gli altri punti principali? Infine circa altre questioni sempre riguardanti il mondo della scuola, con l’ok al decreto c’è il semaforo verde alla internalizzazione dei servizi di pulizia e ausiliarato nelle scuole di ogni ordine e grado. In più, con riferimento agli ex LSU (Lavoratori Socialmente Utili), è stata stabilita una proroga tecnica di due mesi per consentirne la stabilizzazione.

Il personale scolastico, compresi i dirigenti, non saranno coinvolti nel rilievo biometrico delle presenze. E sul fronte universitario è stata aumentata, da 6 a 9 anni, la durata dell’Abilitazione Scientifica Nazionale.

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Giuseppe Spadaro

Direttore Responsabile di Termometro Politico. Iscritto all'Ordine dei Giornalisti (Tessera n. 149305) Nato a Barletta, mi sono laureato in Comunicazione Politica e Sociale presso l'Università degli Studi di Milano. Da sempre interessato ai temi sociali e politici ho trasformato la mia passione per la scrittura (e la lettura) nel mio mestiere che coltivo insieme all'amore per il mare e alla musica.
Tutti gli articoli di Giuseppe Spadaro →